SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una testimonianza per allargare i propri orizzonti. Nella mattina di mercoledì 11 marzo, presso l’auditorium comunale di San Benedetto del Tronto, gli studenti di una classe del liceo classico “Leopardi” e di due dell’istituto alberghiero “Buscemi” hanno incontrato Juana Vasquez Arcon, stretta collaboratrice del premio Nobel per la Pace Rigoberta Menchú Tum.

La stessa Rigoberta Menchú Tum era stata a San Benedetto lo scorso 8 ottobre, incontrando a sua volta gli studenti al teatro comunale Concordia.

La Arcon ha parlato della situazione di segregazione in patria che vivono i Maya in Guatemala, che costituiscono la stragrande maggioranza della popolazione, ma sono esclusi dalla vita politica e segregati sul piano sociale.

La Arcon ha insomma ripercorso la storia delle lotte che nel mondo hanno il volto della Menchú, che riguardano un popolo come i Maya, di cui i ragazzi sentono parlare sui banchi di scuola, nient’affatto scomparso dalle carte, nonostante «la conquista dell’America» (parole della Arcon) da parte degli europei nel corso del XVI° secolo.

L’incontro era stato organizzato dal collettivo Guatemala Moie in collaborazione con il Comune di San Benedetto del Tronto. I ragazzi sono quindi stati accolti dall’assessore alla Cultura Margherita Sorge, dalla consigliera di Pari opportunità Palma Del Zompo, dalla presidente del collettivo Angela Priori e da Antonella Nonnis della sezione di San Benedetto. Nel corso della mattinata è stato anche proiettato un video di circa dieci minuti sulle problematiche del popolo guatemalteco.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 343 volte, 1 oggi)