Centobuchi-Luco Canistro 2-0
CENTOBUCHI: Delfino, Alessandrini, Coccia, Croceri (71′ De Prezzo), Corradetti, Marranconi, Cesani (80′ Ingribelli), Simoni, Pagano, Smerilli, Fondi (90′ Frinconi). A disposizione: Albanesi, Trasatti, Vitone, Pierantozzi. All. Pruzzo
LUCO CANISTRO: Di Girolamo, Vernile, Grasso (71′ Zarini), Marangon, Antonelli, Marinelli, Vado (68′ Barivic), Laudiero, Pedalino, Regner, Donzelli (55′ D’Angelo). A disposizione: Principe, Silvestri, Iachetti, Vivona. All. Colavitto
Arbitro: Marchesini di Legnago (Verona).
Reti: 20′ Smerilli (C), 50’Pagano (C).
Ammoniti: Pedalino (L.C.), Simoni (C), Marangon (L.C.)Regner (L.C.)
Angoli: 1-2
Recuperi: 2’+5′.
Spettatori: 300 circa di cui una trentina circa quelli provenienti da Luco dei marsi (L’Aquila).

MONTEPRANDONE- Il Centobuchi torna a vincere dopo poco più di due mesi (l’ultima vittoria era stata infatti nell’ultima giornata del girone d’andata con un 2-1 interno alla Santegidiese) ottenendo la sua settima affermazione stagionale, la quarta tra le mura amiche. Si tratta inoltre del primo successo nel girone di ritorno (dopo 3 pareggi e 4 sconfitte) e a farne le spese è stato il Luco Canistro che veniva da 3 risultati utili consecutivi, squadra davvero portafortuna per il Centobuchi che ha totalizzato finora negli scontri con i marsicani ben 10 punti in 4 gare, vincendo anche all’andata a Luco dei Marsi per 1-2 e lo scorso anno al Comunale per 2-1 per poi pareggiare sempre lo scorso anno in trasferta 0-0.

Peccato che ora le gare con questa squadra per quest’anno siano esaurite. Il successo ha portato gli uomini di Pruzzo (13 punti in 12 gare, frutto di 3 successi, 4 pareggi e 5 ko) a 29 punti, scavalcando in un sol colpo in classifica Tolentino (sconfitto in casa dalla sorprendente Agnonese) e Morro d’oro (sconfitto a Vasto) e uscendo almeno per il momento dalla zona play out.

Successo scacciacrisi? Speriamo, per ora quantomeno è stata messa da parte la mini crisi all’interno della società biancoceleste (che ha portato tra l’altro, domenica scorsa alla rimozione dal suo incarico del vice presidente Enrico Paoletti oggi ancora presente nel suo ruolo seppur molto amareggiato della decisione presa ai suoi danni, in attesa che venga ufficializzato in settimana dall’assemblea dei soci il suo licenziamento). Forse aveva ragione chi sosteneva, come il vice Terrani, che solo i risultati positivi potevano risollevare e sbloccare questa squadra che trovato il vantaggio ha scacciato gli impacci. Formazione iniziale cambiata per 5/11 rispetto a quella sconfitta a Porto Sant’Elpidio, con i rientri dalla squalifica dei due veterani Corradetti e Simoni ma anche di Coccia preferito a Pesce e Smerilli (capocannoniere della squadra biancoceleste con 8 reti) a Vitone e Cesani a Ingribelli. Vittoria corale e meritata, su un terreno infame, squadra apparsa compatta e che ha acquisito sicurezza dopo il vantaggio, controllando la gara fino al termine contro un avversario apparso sterile. Molto ispirati oggi i 2 autori del gol Smerilli e Pagano (al suo terzo centro stagionale e consecutivo) dal quale ci si aspettano i gol decisivi per centrare la salvezza. Ma veniamo alle azioni salienti del match: all’8 svarione difensivo di Alessandrini che ciccava il pallone, che giungeva in area a Donzelli, il quale non ne sapeva approfittare sparando alto sopra la traversa. Risposta dei padroni di casa al 10′ quando su una punizione dalla destra di Corradetti si inseriva in anticipo di testa sotto misura Fondi con palla però che terminava alta sopra la traversa. Al 20′ arrivava il vantaggio biancoceleste scaccia-paure dopo i scollegamenti iniziali tra i reparti. Sponda di testa dell’ottimo Pagano (sta entrando sempre più negli schemi d’attacco del Centobuchi dopo un impaccio iniziale) per l’accorrente Smerilli (tornato finalmente in forma dopo un po’ di gare appannate) che infilava la porta ospite con un preciso e fulmineo radente d’esterno. Al 39′ Coccia (oggi convincente dopo alcune gare sottono) salvava una pericolosa mischia venutasi a creare nella sua area spazzando in corner. Ripresa davvero scarna di emozioni se non il raddoppio del 50′ con una splendida azione di rimessa con Smerilli che di testa serviva Cesani, il quale a sua volta sempre di testa smarcava in contropiede la volata di Pagano che giunto dinanzi all’estremo biancorosso Di Girolamo in uscita, lo scavalcava con un delizioso, quanto preciso pallonetto che si infilava in rete. Al 70′ il Cento sfiorava anche la terza marcatura quando Coccia crossava per Fondi che sotto misura, al volo in spaccata metteva sul fondo sfiorando il palo sinistro. Ora i monteprandonesi sono attesi dall’insidiosa trasferta in casa della capolista Fano.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 692 volte, 1 oggi)