SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Davvero un bel clima, quello di ieri 28 febbraio, all’inaugurazione della personale di Giorgio Cutini alla Palazzina Azzurra. Fotografo per passione che è stato premiato lo scorso anno del “Premio delle Arti e Premio della Cultura” del Circolo della Stampa di Milano. Tanti artisti illustri, fra cui anche altri due assegnatari marchigiani del premio, il critico Armando Ginesi ed il pittore Bruno Mangiaterra. Presenti anche il fisico nucleare Franco Rustichelli come anche Adolfo Guzzini di iGuzzini, il critico Enzo Carli, il poeta Eugenio De Signoribus e molti altri personaggi del mondo dell’arte.

«Ho avuto modo di conoscere Cutini durante una sua mostra a Fano – ha spiegato l’assessore alla cultura Margherita Sorge – ed è un onore per noi averlo qui in Palazzina Azzurra, che è e sta diventando sempre più il fiore all’occhiello di San Benedetto».

A presentare l’opera di Giorgio Cutini, è stato il critico Armando Ginesi, esaltandone la qualità indiscussa delle opere e ricordando come, proprio 100 anni fa a Parigi veniva presentato da Martinetti il manifesto futurista. Tale manifesto fu presentato prima in Italia, sulla Gazzetta dell’Emilia, esempio che ha portato ad affermare che in Italia diversi sono gli artisti che meritano, ma che spesso se non all’estero non ricevono il giusto merito.

«Nelle fotografie di Cutini – continua il professor Ginesi – si erge lo slancio vitale, le fotografie rispecchiano anche la sua professione di chirurgo, che salva e restituisce la vita. Riesce a cogliere il movimento nel suo fluire e non rappresentano qualcosa di reale, ma un qualcosa, “quel” qualcosa che viene dal di dentro».

Il dottor Cutini, apprezzato chirurgo laparoscopico di fama europea, ricopre l’incarico di Primario di Chirurgia Generale presso l’Ospedale Generale di Jesi ed è un noto fotografo creativo, per molti anno sodale del grande Mario Giacomelli.

La mostra resterà aperta fino a mercoledì 18 marzo, sempre con ingresso gratuito

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.865 volte, 1 oggi)