MONTEPRANDONE – I tesori vanno conservati e non si può dire che il materiale del Civico Museo Libreria di San Giacomo della Marca, all’interno dello spazio museale, non abbia un valore tale. Così, per iniziativa dell’amministrazione comunale, nelle teche espositive, sono stati installate strumentazioni e posizionati materiali idonei alla conservazione del pregiatissimo patrimonio culturale monteprandonese. Il tutto al fine di garantire al massimo il miglior stato di conservazione dei codici della civica libreria in un ambiente idoneo e sano.
Le bacheche espositive sono state dotate di un’apposita guarnizione siliconica per garantire una tenuta all’aria e alla polvere, all’interno delle stesse teche sono state posizionate confezioni di sali Pro SOB utili all’assorbimento di quella percentuale di umidità presente negli ambienti. Sono materiali di altissima qualità tanto da essere testati dal British Museum di Londra.
Il qualificato intervento si è concluso con l’acquisto, da parte dell’Amministrazione Comunale, di un deumidificatore professionale tipo MG 90 della ditta Munters, multinazionale svedese e ledear mondiale nel settore del controllo dell’umidità e del clima.
I più grandi e prestigiosi musei del mondo, tra cui i musei vaticani, utilizzano questo tipo di deumidificatore altamente professionale.
Nel porre in essere una così importante azione di conservazione e salvaguardia del particolarissimo patrimonio librario, l’Amministrazione Comunale si è avvalsa della qualificatissima collaborazione del team di esperti dell’Opificio delle Pietre dure di Firenze – Ministero per i beni e le attività culturali , coordinato dal professor Roberto Boddi, cui va il più sincero e cordiale grazie per la costante e partecipata vicinanza professionale insostituibile.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 820 volte, 1 oggi)