SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Niente da fare per l’Adriatica Bitumi Basket Club che cede nettamente alla “corazzata” Montegranaro nella 23esima giornata del campionato di serie C2. I calzaturieri si sono imposti per 79-55 al termine di un match equilibrato solo nella prima parte. Opposti ad una delle migliori formazioni del torneo, i ragazzi di coach Nello Poggi hanno patito ancora una volta l’assenza del pivot Christ, specie nel confronto con il gigante senegalese Seck (2,24 metri, di proprietà della Premiata), e non sono riusciti a garantire l’intensità necessaria per contrastare il gioco avversario.
«E’ stata la peggior partita che abbiamo giocato quest’anno – commenta amaro il coach rossoblu’ – e anche qualche interpretazione arbitrale discutibile non può rappresentare una scusa per questa prestazione. A Fabriano dovremo andare con una mentalità differente».
Equilibrio nel primo quarto con Mattioli a lottare sotto il tabellone, mentre dall’altra parte si esaltano i tiratori Bolognini e Rinaldetti (13-15). Ospiti dominatori sotto il canestro grazie Seck, cui cerca di opporsi un encomiabile Ciccorelli. I padroni di casa puntano così sul tiro da tre di Valori per cercare almeno di rimanere in scia (28-40). E’ nel terzo quarto che Montegranaro “ammazza” la partita con un parziale di 21-8 che annichilisce i sambenedettesi (36-61). Ultimo quarto con Fala’ che lamenta un atteggiamento intimidatorio degli avversari e viene mandato dagli arbitri sotto la doccia, ma l’episodio non incide su un match ormai già segnato.
L’Adriatica resta a quota 18, ora in piena zona play out, mentre quella play off è ora distante sei lunghezze. Trasferta proibitiva nel prossimo turno (domenica 1° marzo, ore 18), terzo appuntamento di un ciclo terribile che sinora non ha portato punti ai rivieraschi. L’Adriatica sarà infatti impegnata sul campo della prima in classifica, la Spider Fabriano.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 491 volte, 1 oggi)