Castelfidardo-Porto d’Ascoli 1-1
CASTELFIDARDO (4-4-2): Giavagnini, Di Chiara, Marabini, Spina, Balestra, Moretti (86’ Staffolani), Ruggieri An, Ruggieri Ar (80’ Andreucci), Marcoaldi, Panti (72’ Copertari), Balestrieri.
A disposizione: Tomba, Lucanero, Schiavoni, Bellucci. Allenatore: Viti
PORTO D’ASCOLI (4-3-3): Marinelli, Cappella, Sansoni, Mattioli, Novelli, Narcisi, Fiorino, Biancucci, Pezzoli, Troiani (76’ Straccia), Di Girolamo.
A disposizione: Damiani, Catalini, Virgili, Semini, Cipolloni, Fabiani. Allenatore: Pezza
ARBITRO: Leoni di Fermo
ASSISTENTI: Di Biccheri di Jesi e Urbinati di Ancona
MARCATORI: 19’ Pezzoli (PDA); 24’ Marcoaldi (C)
CASTELFIDARDO – Meglio tardi che mai. Il Porto d’Ascoli riesce, per la prima volta in questa stagione, a conquistare un punto arrestando in tal modo il trend negativo di sconfitte consecutive salito a dodici.
Subito in salita la gara dei biancocelesti: primo brivido dopo soli 46 secondi. Panti al limite, serie di finte su Sansoni, in area fa partire un destro che si stampa sul palo. Castelfidardo ancora in avanti al 3’ con Ruggieri Ar che serve Panti il quale allunga per Balestrieri, mette in mezzo per Panti un super Marinelli respinge la conclusione, di nuovo Panti e la palla finisce sul palo
Al 13’ si fa vedere il Porto d’Ascoli: angolo di Troiani, spizza Pezzoli e la sfera si spegne sul fondo. Ma al 19’ giunge il vantaggio ospite: punizione dalla tre quarti di Troiani, mischia in area, esce Giovagnini, Pezzoli ne approfitta infilando a porta sguarnita.
La gioia dura poco, al 24’ arriva il pari locale. Marcoaldi sorprende la difesa biancoceleste sulla sinistra insaccando alle spalle di Marinelli. Alla mezz’ora cross dal fondo di Marabini, Balestrieri troppo angolata la zuccata che termina out.
Ripresa molto agonistica: il Porto d’Ascoli cerca di far suo il bottino, il Castelfidardo risponde agli attacchi a volte anche a fatica. Bisogna attendere il 71’ quando Fiorino serve Di Girolamo, il tiro viene bloccato in volo da Giovagnini. Al 94’ i locali hanno sui piedi la palla della vittoria: velenoso rasoterra di Ruggieri An che lambisce l’angolino basso alla destra di Marinelli.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 394 volte, 1 oggi)