TERAMO – Sono state avviate nei Comuni le modalità applicative per usufruire del bonus sociale di riduzione delle spese sull’elettricità. In Italia sono circa 5 milioni gli utenti in disagio economico interessati dall’iniziativa, che permette sconti sulla bolletta dell’elettricità fino a 135 euro.

Possono accedere al bonus tutti i nuclei familiari che dispongono di un Isee il cui valore sia inferiore o uguale a 7500 euro (o con valore fino a 20mila euro per i nuclei familiari con quattro o più figli a carico). Hanno inoltre diritto al bonus elettrico per disagio fisico tutti i clienti presso i quali vive un soggetto affetto da grave malattia, costretto ad utilizzare apparecchiature elettromedicali necessarie per il mantenimento in vita. In questi casi, per avere accesso al bonus elettrico, il cliente finale deve essere in possesso di un apposito certificato Asl.

Le richieste devono essere presentate presso il proprio comune di residenza compilando gli appositi moduli, reperibili negli uffici comunali, sul sito dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani http://www.anci.it/ e dell’Autorità per l’Energia http://www.autorita.energia.it/

Il bonus garantirà un risparmio del 20% circa sulle bollette dell’energia elettrica ai clienti domestici in condizioni di disagio economico.

Il valore sarà differenziato a seconda della composizione del nucleo familiare: 60 euro/anno per un nucleo familiare di 1-2 persone; 78 euro/anno per 3-4 persone; 135 euro/anno per un numero di persone superiore a 4. Il sistema, pienamente operativo dal gennaio 2009 – poiché scatta l’obbligo per i Comuni di ricevere le domande – prevede che il godimento del bonus possa essere anche retroattivo per tutto il 2008: in tal caso le richieste dovranno essere effettuate entro il 30 aprile 2009.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 657 volte, 1 oggi)