ANCONA – Il Fondo Sociale Europeo a sostegno dell’occupazione. Il 12 febbraio si è tenuto il primo incontro tra Regione e Province per condividere il percorso che li vede investire 88 milioni di euro in difesa del mondo del lavoro.

All’incontro, convocato dagli assessori regionali alla Formazione, Stefania Benatti e al Lavoro, Fabio Badiali, hanno partecipato gli assessori provinciali al Lavoro e Formazione di Pesaro Urbino, Massimo Galuzzi, di Ascoli Piceno, Emidio Mandozzi, di Macerata, Daniele Salvi e di Ancona, Maurizio Quercetti.

Stefania Benatti ha sottolineato che «il Piano regionale per la qualità del lavoro e l’occupazione 2009 sarà approvato entro marzo. A breve saranno avviate le consultazioni con le organizzazioni datoriali e sindacali e quindi la proposta andrà alla valutazione della Commissione regionale del Lavoro».

L’accordo comporta, quindi, che la Regione Marche, impegni 88 milioni di euro del Fondo sociale europeo, da utilizzare nel biennio 2009-2010 per affrontare la crisi congiunturale.

Dell’importo totale, il 50%, ovvero 44 milioni di euro circa, sarà utilizzato per misure di politica attiva del lavoro come orientamento, tirocinio, stage, qualificazione, tutoraggio e counselling, conciliazione eccetera. L’altra metà delle risorse invece vincola le Regioni ad utilizzarle per gli ammortizzatori sociali.
Il Governo inoltre ha appena stanziato 10 milioni di euro per le Marche destinati agli ammortizzatori sociali in deroga.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 671 volte, 1 oggi)