GROTTAMMARE – Si è riunito nella mattina di venerdì 20 febbraio il tavolo istituzionale per la condivisione del nuovo scenario di riconversione dell’Arena Surgelati.
La recente normativa regionale sugli spazi commerciali infatti ha sospeso il rilascio di autorizzazioni per l’apertura di grandi strutture di vendita.

Il sindaco Luigi Merli ha illustrato tutte le informazioni necessarie per la realizzazione di un Centro di esposizione e distribuzione di prodotti marchigiani di eccellenza al posto del vecchio stabilimento, come descritto nel Piano industriale avanzato dalla proprietà.

Nel rendiconto si ridefiniscono gli obblighi delle varie parti coinvolte, e si prevede l’inizio della ristrutturazione dell’immobile per il 30 aprile 2010.

Nel verbale l’azienda si è impegnata quindi ad attivare tempestivamente le procedure per l’ottenimento di tutte le autorizzazioni necessarie ad affrancare l’area produttiva da tutti i vincoli legati a quel tipo di attività, e a presentare allo Sportello Unico del Comune di Grottammare il progetto esecutivo dell’intervento.

Successivamente il Comune di Grottammare e l’Arena Surgelati definiranno le garanzie che dovranno essere prestate dalla ditta in merito all’obbligo del ricollocamento del personale in organico occupato presso lo stabilimento.

«In un momento così difficile per il nostro territorio  – dichiara il sindaco Luigi Merli – con perdite occupazionali, lo sforzo della nostra amministrazione per salvaguardare il posto di lavoro dei 31 lavoratori attualmente in cassa integrazione è totale».

Aggiunge ancora Merli: «In questi ultimi due mesi ci siamo impegnati per ricostruire le condizioni di questa riconversione industriale, esclusivamente e totalmente legata alla reimmissione lavorativa dei 31 cassa integrati. A nostro avviso si tratta di un significativo segnale di responsabilità civile e amministrativa».

Erano presenti all’incontro l’amministratore delegato dell’Arena Surgelati spa Giovanni Giancola, Il responsabile delle risorse umane Armando Petrarca, il responsabile del servizio Lavoro della Regione Marche Claudio Alessandroni, l’assessore provinciale alle Politiche del lavoro Emidio Mandozzi, e i vari delegati delle organizzazioni sindacali territoriali Flai Cgil, Fai Cisl, Uila Uil, Ugl e il signor Antonio Ricci in rappresentanza del sindacato dello stabilimento.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.173 volte, 1 oggi)