GROTTAMMARE – Un Grottammare redivivo, reduce da 2 risultati utili consecutivi (ultimo dei quali la pesantissima vittoria di Macerata che li ha rimessi in corsa per la salvezza) dopo la sosta affronta per la 22°giornata (5°di riitorno) del massimo campionato Dilettanti la Renato Curi Angolana (2°classificata lo scorso anno).

L’anno scorso le 2 squadre si affrontarono 3 volte, 2 nella regolar season dove ebbe la meglio sia all’andata in terra Abruzzese (0-2) che al ritorno al Pirani (1-0) il Grottammare mentre nella semifinale play off disputata in gara unica a Città Sant’Angelo ebbero la meglio per 3-1 i nerazzurri. In questa stagione invece le 2 squadre in attesa della sfida di domani si sono già affrontate 2 volte una in gara unica nel gironcino di coppa Italia al Pirani terminò 1-1, mentre in campionato all’andata finì a reti bianche la sfida del Comunale di Città Sant’Angelo.

La squadra Rivierasca è l’unica squadra del torneo ad non aver ancora vinto tra le mura amiche racimolando solo 3 punti (frutto di 3 pareggi) in 10 gare casalinghe disputate. La compagine biancoceleste per ora è anche la squadra che ha perso più partite in casa, ben 7. Di contro la Renato Curi (quarta in classifica a -6 dalla capolista Fano) che viene dalla sconfitta interna con l’Atletico Trivento (grande rivelazione del torneo) che ha interrotto un ruolino che era di 3 vittorie consecutive, è la squadra che ha fatto più punti in trasferta insieme al Nuovo Campobasso, ben 20 punti in 11 trasferte frutto di 5 vittorie altrettanti pareggi e una sola sconfitta.

Domani gli uomini di Scarfone attualmente a -4 dai play out e a -9 dalla salvezza diretta dovranno cercare in tutti i modi di sfatare il tabù interno avverso e proseguire ad intavolare un filotto di risultati utili decisivo per ottenere l’obiettivo salvezza. Perdere terreno ora sarebbe difficilmente recuperabile; a tal proposito alla vigilia di questa delicata sfida testa coda abbiamo sentito il responsabile dell’area tecnica Pino Aniello: «Veniamo da un buon momento peccato la pausa che lo ha interrotto, ma bisogna riprendere, non smettere di fare punti che ora sono decisivi e non si può più guardare all’avversario che si chiami Maceratese o Renato Curi Angolana. Bisogna dare tutto e raccogliere risultati senza fare differenza. E’ vero, l’avversario di questa domenica è di rango tecnicamente dotato, dispongono di elementi di prim’ordine come Giandomenico, Pazzi, Cicchella, Cacciatore e Farrugia, ma dovremo affrontarli senza timore. All’andata in casa loro giocammo un’ottima gara. Noi finora non siamo stati messi sotto da nessun avversario e abbiamo fatto molti meno punti di quelli che avremmo meritato quindi speriamo di avere maggiore fortuna».
Il Grottammare avrà tutti gli elementi a sua disposizione, ha recuperato dall’infortunio Maccagnan e rientra anche Maraschio (1 sola presenza contro l’Elpidiense). Negli Abruzzesi invece saranno assenti gli squalificati Ausoni e Sablone e l’infortunato Zaniratto. Ci saranno invece i 3 baby della rappresentativa di serie D al torneo di Viareggio Fanti, Ciofani e Terrenzio.
Arbiterà il confonto, il signor Tommaso Battaglia di Padova.

Queste le possibili formazioni:
GROTTAMMARE: Domanico, Mauro, Marcatili, Oddi, Cameli, Del Moro, Polenta, Rulli, Di Felice, Maccagnan, Maraschio (Curzi) All. Scarfone

R.C. ANGOLANA: Fanti, Ciofani, Ferretti, Rachini , Mucciante, Fuschi (Terrenzio), Bordoni, Cicchella, Pazzi, Giandomenico, Farrugia (Cacciatore). All. Vivarini

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 528 volte, 1 oggi)