SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Con una comunicazione via internet il costruttore storico di carri allegorici, Mariano Vesperini ha reso noto il nome del suo gruppo. Ecco il testo:
«Alcuni speravano nel forfait, che di forza si voleva dare al socio fondatore, primo Presidente e al suo storico gruppo, il più vecchio tra gli attuali del carnevale Sambenedettese. Anche per questa volta “il rospo” qualcuno lo ha ingoiato. Storici amici del gruppo, amici da sempre, amici di cento battaglie e da chi vuole un Carnevale all’insegna del divertimento hanno costretto Mariano Vesperini, Rossana Sablone, Roberto Vesperini, Antonio Focarile, Simone è Riccardo Fazzolari, Livio Simonetti, la Ciclisti Riviera delle Palme, il Gruppo Città Aperta, ad essere presenti alle sfilate del Carnevale Sambenedettese per allietare grandi e bambini. Dopo il successo di sms che decretò il gruppo del suo carro, PRIMO CARRO ASSOLUTO e vincitore alle sfilate del 2007, con il doppio degli sms ricevuti da tutti gli altri carri presenti, ci sarà anche quest’anno.
Si ripresenta carico di quella passione che non va acquistata con il danaro, ma con sacrificio e tanta voglia di fare. Il suo carro: “Asini & Buffoni che Carnevalata” vuole essere il mix dei tempi attuali che ci circondano; è, a detta delle persone che lo hanno già visto, uno strabiliante carro, come è sua consuetudine dal 1985, un mix di fluorescenti colori e di simbolici pupazzi. Un commento che abbiamo ricevuto su tutti, Galli Luciano della ITALFER ha definito il gruppo di Vesperini: una geniale miscela tra divertimento e passione. Altre novità le scoprirete durante le sfilate. Il gruppo, il carro vi invita a partecipare e ad divertivi insieme a noi, tutto gratis con qualsiasi maschera o vestito, noi vi daremo un sorriso sincero. In allegato la foto del carro vincitore delle sfilate al Carnevale Sambenedettese 2007»
Firmato: Mariano Vesperini

La partecipazione data per certa da Vesperini sembra però che abbia trovato qualche intoppo per cui il suo carro potrebbe restare fuori dalla sfilata. Perlomeno secondo un fax inviato dallo stesso alle più importanti autorità del Comune di San Benedetto del Tronto. Il fax contiene la sua normale protesta nei confronti dell’organizzazione stessa che, sembra, gli impedisca di partecipare ufficialmente alle sfilate e verso la quale lamenta la mancanza di comunicazioni alla sua persona in quanto appartenente di diritto in qualità di socio fondatore. Aspettiamo la risposta del Comune auspicandoci che tra le parti ci sia una riconciliazione atta a ridonare il vero senso ad una ricorrenza che ha nel dna divertimento e allegria.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.091 volte, 1 oggi)