Da Espresso Rossoblu

01-Marconato 6,5: compie due parate salva risultato rispettivamente al 36’ su colpo di testa di Cusaro e al 52’ su turo di Sigarelli. In occasione del gol si è aperta davanti a lui un’autostrada e nulla ha potuto sul rasoterra di De Feudis.
02-Tinazzi 5,5: nel primo tempo in evidente difficoltà contro il vivace Giaccherini i cui cross in area sono stati un continuo pericolo per i centrali rossoblu. Rimedia un’ammonizione al 54’ ed esce per infortunio al 67’.
03-Sirignano 5,5: anche lui ha avuto parecchi problemi sulla fascia di sua competenza soprattutto nel primo tempo dove ha imperversato Biserni. A parte un paio di conclusioni all’11’ e nel finale, è costretto a disputare una partita prevalentemente difensiva contrariamente alle sue caratteristiche.
04-Palladini 6,5: partita come al solito intelligente e generosa. A 37 anni si conferma titolare inamovibile relegando in panchina il più giovane Carozza, senza il quale, tornato al suo ruolo di play maker difensivo non sbaglia neanche un pallone.
05-Caccavale 6: un suo liscio a metà della ripresa per poco non provoca un gol per il Cesena. Buona l’intesa con Bonfanti a cui dà una mano per contrastare Veronese. Incolpevole in occasione del gol di De Feudis, nel finale si spinge in avanti alla ricerca del pareggio.
06-Bonfanti 6: nel primo tempo incontra parecchie difficoltà a controstare di testa il pericoloso Veronese. Nella ripresa va un po’ meglio con la difesa a cinque. Siamo sempre convinti che renderebbe di più con un compagno di reparto veloce.
07-Visone 6: non riesce a reggere 90 minuti e si muove in un raggio di azione molto ristretto. Dà sostanza ai compagni di centrocampo con i quali riesce a contenere bene gli attacchi del Cesena per 80 minuti ma, nel finale, crolla fisicamente e viene spesso saltato dagli avversari.
08-Ferrini 6: ci teneva in particolar modo alla gara odierna, da buon ex, ha dato molta sostanza ad un centrocampo numericamene e quantitativamente compatto, non disdegnando qualche affondo.
09-Pietribiasi 5,5: schierato a sorpresa al posto dell’infortunato Cammarata non poteva avere un esordio più difficile. Lasciato solo in avanti tra le grinfie del duo Lauro-Cusaro, non riesce mai a superarli e a creare qualche pericolo al portiere avversario. Da rivedere in casa insieme a Cammarata o Califano.
10-Olivieri 5: partita incolore del fantasista rossoblu che oggi doveva supportare Pietribiasi, l’unico attaccante di ruolo. Al suo attivo solo un’azione sulla fascia sinistra al 50’ che costringe Cusaro al fallo e alla conseguente ammonizione. Esce sullo 0-0 per far posto a Califano.
11-Magnani 5,5: il solito giocastore generoso ma poco concreto: ha aiutato soprattutto i compagni della difesa raddoppiando le marcature in quanto dalle fasce provenivano i pericoli maggiori, ma non è mai riuscito a saltare l’uomo e a proporsi in fase offensiva.
17-Califano 5,5: (dal 60’) ci spettavamo di vederlo in campo dal primo minuto. La sua velocità e la sua esperienza avrebbero potuto mettere in difficoltà i centrali avversari. Invece, ancora una volta, è stato spedito in panchina e nella mezzora a sua disposizione non ha potuto fare molto. Non è certo venuto alla Samb per disputare spezzoni di partita.
15-Lanzoni sv: (dal 67’) ventitre minuti sono pochi per poterlo giudicare ma a noi ha dato l’impressione di avere le stesse caratteristiche di Bonfanti e Caccavale e quindi di essere poco adatto al ruolo di esterno difensivo destro. In occasione del gol cintura un avversario che gli impedisce di scalare su De Feudis mentre al 90’ commette un dubbio fallo da rigore atterrando, secondo noi, DJuric
18-MORINI sv: appare ormai relegato al ruolo di panchinaro; marcato strettamente dagli avversari non riesce a trovare quegli spazi che lo rendono pericolosissimo sui venti metri dalla porta.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.552 volte, 1 oggi)