SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Giovedì mattina il sindaco Giovanni Gaspari ha incontrato i vertici dell’Erap di Ascoli (Ente Regionale per l’Abitazione Pubblica).
Stando a quanto dichiara il sindaco, non si sarebbe parlato delle recenti polemiche fra alcuni enti locali come il Comune di Ripatransone e l’ente, tantomeno della questione relativa all’ultimo lotto di case popolari che attende di essere realizzato nella zona Santissima Annunziata a San Benedetto.
L’oggetto dell’incontro è stato la zona del Paese Alto, in particolare la parte bassa in via Manara. Si è parlato della possibilità di intraprendere la strada di un Contratto di Quartiere insieme all’Erap per usufruire di fondi regionali per la riqualificazione del patrimonio edilizio pubblico ai fini della realizzazione di nuovi alloggi di edilizia popolare e convenzionata.
«Stiamo parlando di recupero dell’esistente, non di nuove edificazioni – precisa Gaspari – In via Tonale (vicino via Manara e l’ex mattatoio comunale, ndr) e vicino la vecchia scuola Castello, se arriva l’ok dalla Regione, possiamo realizzare nuovi alloggi popolari, ad esempio alzando di un piano l’attuale “casa parcheggio” vicino al mattatoio. Nelle graduatorie del bando regionale, i punteggi più alti infatti vanno ai contratti di quartiere in cui c’è la presenza di enti pubblici e si agisce sui centri storici. E via Manara ci rientra a pieno titolo».
La casa parcheggio è un insieme di alloggi che il Comune concede provvisoriamente a persone in situazioni di grave disagio economico.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.045 volte, 1 oggi)