ASCOLI PICENO – Sembra si stia concretizzando il progetto che farà rivivere la Salaria, grazie alla collaborazione tra Marche e Lazio, e l’impegno della Provincia di Ascoli.

“La Salaria: un itinerario storico, culturale e religioso per il turismo” è al secondo stralcio. Il primo stanziamento di 134.000 euro, erogato a marzo del 2008, servì ad avviare la fase iniziale del progetto che entrerà a breve nello stadio esecutivo. A questo scopo è già stata fissata per il prossimo 10 febbraio una riunione operativa a Roma tra le due Regioni coinvolte.

In questi giorni la Regione Marche ha invece deliberato il finanziamento della seconda parte del progetto, per un importo di 99.000 euro a cui si aggiungeranno gli investimenti delle Province e dei Comuni aderenti. I fondi, provenienti dal Ministero delle Attività Produttive che ogni anno contribuisce a progetti di sviluppo turistico di respiro interregionale, sono erogati dal Dipartimento per lo sviluppo e la competitività del turismo, una struttura a supporto della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Nell’iniziativa sono coinvolti anche altri Comuni, i Consorzi di operatori turistici, i tour operator e altri soggetti pubblici e privati.

L’obiettivo è quello di trasformare l’antica strada consolare in un vero e proprio distretto turistico, un volano di sviluppo economico per tutto il territorio, valorizzando e facendo conoscere l’antica arteria attraverso la promozione del patrimonio artistico, storico, religioso e paesaggistico disseminato lungo i suoi 208 chilometri.

Sono stati proposti quindi una serie di itinerari: la “Salaria cristiana”, in cerca di vecchie chiese, abbazie e monasteri; la “Salaria termale” per ristorare corpo e spirito; la “Salaria a piedi” , sempre che non si preferisca scegliere di percorrere a cavallo una delle ippovie previste da un altro itinerario.

Spiega l’assessore al turismo Avelio Marini: «Abbiamo pensato a un disegno di promozione piuttosto articolato, partito dal successo della cicloturistica “Antiqua Salaria”, che nel 2009 giungerà alla terza edizione. Lo scopo è quello di creare flussi turistici stabili, capaci di resistere anche in periodi fuori stagione e in zone finora poco sfruttate. La Provincia di Ascoli avrà il compito di coordinare l’intera strategia collaborando strettamente con gli operatori economici, turistici e culturali che operano lungo il tragitto»

Il progetto per la ristrutturazione della Salaria è promosso anche dal Club Wigwam Italia e realizzato in collaborazione con le Province di Roma e Rieti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 370 volte, 1 oggi)