MARTINSICURO – Le proposte di certo non sono mancate nel corso dell’Assemblea generale degli operatori turistici di Martinsicuro, giovedì 29 gennaio. Albergatori, campeggiatori, e in generale tutti i rappresentanti della categoria hanno fatto un punto della situazione confrontandosi con l’amministrazione comunale e mettendo sul tavolo di discussione idee per interventi concreti mirati a risollevare l’industria turistica truentina che sta vivendo un periodo di crisi. Miglioramento dei servizi, personale qualificato, destagionalizzazione, piano marketing: riportiamo di seguito alcuni degli interventi sui temi più sentiti dalla Martintour.

PIANO MARKETING «Se negli anni ’70 e ’80 a Martinsicuro e in generale su tutta la costa si è avuto un generale boom turistico che è cresciuto spontaneamente – ha esordito Francesco Ciaralli, presidente della Martintour – ora il fenomeno ha subito un brusco arresto e per continuare a portare i turisti in città è necessario sviluppare delle strategie. E’ necessario vendere altri prodotti oltre al mare affinchè la stagione turistica possa andare al di là dei due-tre mesi estivi. Pensiamo ad esempio alla riconversione che hanno attuato le città romagnole con l’allestimento dei grandi parchi tematici che portano turisti tutto l’anno».

Ecco quindi che per poter attuare delle strategie alternative anche in realtà più piccole come Martinsicuro è necessario programmare gli interventi attraverso un Piano Marketing.

«Programmare il territorio – ha aggiunto Claudio Ucci, Consulente Marketing per il Turismo – è indispensabile per seguire l’andamento del mercato. Nello specifico in una vacanza si vende un’esperienza, e non una semplice camera d’albergo. Il turista deve avere la possibilità di conoscere il territorio, di partecipare ad eventi, di vivere situazioni piacevoli che potrà poi raccontare, dato che al giorno d’oggi le informazioni turistiche, sia in positivo che in negativo, si diffondono attraverso un potentissimo mezzo di comunicazione, che è internet».

DESTAGIONALIZZARE «Un evento che riscuote successo – ha proseguito Ucci – deve essere ripetuto ogni anno nello stesso periodo per dare la possibilità al turista di rivivere l’esperienza. Necessario è anche programmare per tempo il calendario e offrire maggiori opportunità anche ai turisti che arrivano in bassa stagione».

«Stiamo procedendo in questo senso già da qualche anno – ha affermato Armando Tribuiani, presidente della Pro Loco di Villa Rosa – riproponendo alcuni eventi tipici che mostrano le caratteristiche del nostro territorio, come la sagra della pecora alla callara e i concerti di musica popolare. Avendo già delle date stabilite il nostro programma estivo è già quasi definito».

Sul tema avanzata anche l’ipotesi di organizzare a Martinsicuro un evento annuale in bassa stagione che possa portare visibilità alla città a livello regionale o nazionale e che sia motivo di attrazione turistica.

MIGLIORARE I SERVIZI «Nella stagione 2008 abbiamo ricevuto un numero decisamente inferiore di lamentele da parte di turisti e operatori del settore rispetto agli anni passati – ha affermato Antonio Di Giampaolo, presidente dell’Arco Consumatori – e questo denota senz’altro un certo miglioramento. Ad ogni modo per il 2009 l’associazione dei consumatori propone un monitoraggio della qualità percepita dei servizi offerti, attraverso un questionario distribuito ai turisti in cui saranno indicati una serie di parametri che interesseranno le varie categorie di strutture ricettizie. Potremo conoscere in tal modo dove ci sono lacune e mancanze e intervenire di conseguenza».

Necessario anche per Di Giampaolo fornire un’accurata preparazione professionale del personale turistico che deve porsi in maniera competente e preparata, attraverso la conoscenza di almeno una lingua straniera e con una buona cultura del territorio.

CENSIRE GLI APPARTAMENTI «Mai nessuna amministrazione comunale – ha affermato Ciaralli – si è interessata di censire le migliaia di appartamenti esistenti a Martinsicuro. E’ ora di provvedere e di assegnare una sorta di “bollino blu” ad ogni abitazione in base ai servizi che può offrire al turista: lo stato dell’arredamento, la presenza o meno di elettrodomestici, l’ubicazione.Tanti turisti che prendono in affitto un appartamento estivo si ritrovano con brutte sorprese e tornando in città faranno di sicuro una cattiva pubblicità a Martinsicuro».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.355 volte, 1 oggi)