PORTO SAN GIORGIO – Chiusa a zona sin dall’inizio, la Solsonica Rieti ha creato non pochi problemi alla Premiata Montegranaro, che si è dovuta rapidamente adattare allo schema difensivo avversario, che tentava di sottomettere la squadra di casa, colpendola proprio nei suoi punti deboli.

«L’approccio non è stato semplice», sottolinea Alessandro Finelli. «Siamo soddisfatti di aver interrotto la striscia negativa e siamo contenti di averlo fatto con una partita perentoria sul piano della mentalità, sul piano dell’essere volitivi, dell’unità e dell’intelligenza. Non è facile partire e trovare subito la Zona 3-2, tanto sognata questa settimana nel preparare la partita». Certamente è stata una sfida tutta incentrata sul controllo dei rimbalzi, dove sia il Capitano Oscar Chiaramello che Wade Helliwell o lo stesso Ricky Minard hanno fatto la loro parte fondamentale.  «Abbiamo vinto il duello dei rimbalzi», conferma l’allenatore sutorino, «era uno dei punti chiave, per noi, riuscire a vincere a rimbalzo per giocare in contropiede. L’altro punto chiave era migliorare le percentuali di tiro, quindi trovare una migliore distribuzione di tiri e di circolazione di palla. Un po’ con la pazienza, un po’ con la fiducia, un po’ perché non può sempre essere la giornata storta come domenica scorsa». Alla fine, infatti, guardando le statistiche finali, la Premiata ha tirato col 61% da 2, e con un 42% da 3, dimostrando coi tiri da due di essere riuscita comunque a penetrare la temutissima Zona. Neutralizzarla si può, secondo l’allenatore dei Gialloblu se «si inizia a impostare una partita dove, come squadra nella sua interezza, riusciamo a vincere il duello a rimbalzo e correre in contropiede».

La formazione di Montegranaro, quindi, incassa i due meritati punti non dimenticando, tuttavia, che anche questa è stata una vittoria vinta alle battute finali.  «Questa è la realtà delle nostre 8 vittorie: sono tutte state conquistate in volata, come anche le due sconfitte con Teramo e Ferrara sono arrivate in volata». Dichiarando infine che il risultato odierno restituisce fiducia e serenità agli atleti dopo la pesante serie di sconfitte, Finelli rivolge un ringraziamento particolare al pubblico del PalaSavelli «che ci ha sostenuto incondizionatamente! La squadra lo apprezza tantissimo. Nonostante il momento difficile è venuto fuori un amore incondizionato da parte loro, incontaminato dai precedenti risultati negativi. Quello che era sotto il nostro controllo era buttarci per terra sui palloni vaganti, sbucciarci le ginocchia, lottare al rimbalzo e questo l’abbiamo fatto e abbiamo trasmesso questa grande unità di intenti al pubblico che ha capito e ci ha sostenuto ancora di più».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.127 volte, 1 oggi)