BUSSOLENGO – A due giorni di distanza dal match con la Sambenedettese, valido per la 20a giornata di campionato, Gian Marco Remondina ha incontrato gli organi d’informazione presso gli impianti sportivi di Bussolengo.

Per lei la prossima sarà una domenica diversa dalle altre?
«Certamente, non mi è mai successo di dover vedere una partita ufficiale dalla tribuna. In panchina ci sarà Luciano Bruni, sa già quello che deve fare. Non ci sono problemi di nessun genere, ci terremo in contatto per apportare eventuali correzioni».
Il clima a San Benedetto del Tronto sarà un altro rispetto a quello visto a Ferrara.
«Sarà difficile giocare, ci saranno motivazioni diverse da parte dell’avversario: classifica, cambio tecnico, possibilità di variare modulo e piazza calda faranno nascere grandi stimoli nei loro calciatori. Guai a cadere nelle provocazioni. Contro il Pergocrema avevo visto un’ottima squadra, passata subito in vantaggio, con degli elementi interessanti».
Quali sono i giocatori di spicco della Sambenedettese?
«Palladini è molto esperto, Titone e Visone sono velocissimi, bravi nell’uno contro uno. Cammarata è un attaccante di razza, negli ultimi. giorni è arrivato anche Califano. Non riesco a capire perchè una compagine del genere si trovi in quella posizione di classifica».
Quanti minuti ha nelle gambe Tiboni?
«Qualsiasi giocatore, pur restando fermo qualche giorno, può tenere benissimo un tempo. Lo valuteremo con gli ultimi due allenamenti, un’oretta al massimo penso che possa farla».
La difesa si sta confermando con buonissime prestazioni: quali sono le condizioni attuali?
«Per quanto riguarda il pacchetto arretrato, Ceccarelli si è fermato anzitempo durante il test infrasettimanale con gli Allievi Nazionali a causa di un problema lombare, penso possa recuperare. La domenica mattina faccio un resoconto e poi decido chi schierare».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.

(Letto 737 volte, 1 oggi)