CUPRA MARITTIMA – «Abbiamo 5 milioni di euro per sistemare tutto il litorale marchigiano e naturalmente non si può intervenire ovunque: i chilometri di costa sono 170, dobbiamo capire come distribuire queste risorse». L’assessore regionale Gianluca Carrabs, che si occupa di difesa della costa, è arrivato a Cupra Marittima per rendersi conto di persona della situazione della spiaggia.

Dato che i fondi stanziati dalla Regione sono destinati sia agli enti pubblici che ai privati, Carrabs sta valutando l’intervento da effettuare per le scogliere, per la pista ciclabile e per Il Borghetto Beach.

Come ha spiegato Aurelio Ricci, assessore al turismo e ai lavori pubblici: «Da quando è stata inaugurata la pista ciclabile, ovvero dal 2001, mai si sono registrati questi danni, mai un’alta marea di questa entità».

Ad essere danneggiata non è stata infatti solo la spiaggia, ma anche le strutture private, come appunto Il Borghetto beach, a nord di Cupra che, per contenere momentaneamente l’alta marea, e limitare i danni, hanno apposto, a spese loro, una sorta di scogliera di fronte allo chalet.

Nel frattempo i tecnici del Comune di Cupra hanno progettato un piano di intervento per la pista ciclabile, per un costo di circa 640 mila euro.

L’assessore Carrabs ha quindi constatato «l’emergenza e la priorità di intervento per la spiaggia cuprense, proprio perché ne subirebbe le conseguenze anche il turismo, elemento importante nell’economia marchigiana».

Nei piano di intervento c’è però da tenere conto delle tempistiche: si riuscirà a sistemare la spiaggia per l’inizio della stagione estiva, o si inizierà a lavorare direttamente a settembre?

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 916 volte, 1 oggi)