SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Non può piovere per sempre, è una delle frasi più citate del cinema (dal film “Il Corvo”). Così, non può davvero piovere per sempre in casa Samb: le sei sconfitte consecutive, praticamente record storico negativo per la società sambenedettese (una sola volta, accadde: ma si era in guerra, e i giocatori partirono per il fronte durante il campionato…), alla fine, dovranno avere un termine.

Si spera, davvero, che questo avvenga domani, in occasione di Samb-Verona, gara di cartello dell’intero campionato sulla carta, e che invece vede, per la parte ospitante, un tifoseria depressa nonostante le (tardive?) aperture della società e una notevole campagna rafforzamento (se ne vedranno delle altre da qui a fine gennaio), che hanno condotto la Samb nei bassissimi fondi della classifica, come mai accaduto in precedenza, neppure in occasione dell’unica retrocessione in C2 (1989-90), o degli unici play-out disputati (2005-06).

Si spera che l’arrivo di un nuovo allenatore, Fulvio D’Adderio, dia la scossa necessaria alla squadra: a volte nel calcio sono le reazioni nervose ad originare le riscosse, anche se nel caso della Samb i punti da recuperare sono ben sei, senza dimenticare che c’è il rischio pure di finire ultimi, e retrocedere senza spareggi. Sembra che il nuovo tecnico, che giustamente non vuole modificare troppo l’assetto delle ultime partite (sarebbe però il caso, crediamo, di vedere giocare la squadra, prima o poi, con il semplice e classico 4-4-2, mai adottato fino ad ora, con i risultati conseguenti), si affiderà grossomodo allo stesso undici delle ultime gare.

Con alcune eccezioni, come l’esordio di Marconato tra i pali (Dazzi in panchina: verrà venduto?). In difesa, da destra, Tinazzi, Moi, Caccavale e Sirignano. Nel trio di centrocampo dovrebbero trovare spazio Palladini e Carozza, con Ferrini e Visoni a disputarsi la terza casacca. Cammarata unica punta, con alle sue spalle, due tra Morini, Titone, Olivieri e Magnani. Non resta che gridare: forza Samb. Non può piovere per sempre.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.112 volte, 1 oggi)