SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Fulvio D’Adderio lo ha detto chiaramente:«Andiamo per gradi. E agiremo secondo un piano di lavoro graduale». Quindi, niente rivoluzioni a 360 gradi per quanto riguarda lo schema e l’impiego di giocatori. Difatti, dall’allenamento svolto nella giornata di giovedì, sembra che il tecnico potrebbe riproporre lo stesso 4-3-2-1 adottato dal suo predecessore nella trasferta di Pergocrema.

In questi giorni il tecnico molisano ha avuto il suo da fare nel valutare uno ad uno tutti i giocatori della rosa che, al momento, sfiorano la trentina. Per questo c’è stata una girandola inarrestabile nella sostituzione delle casacche e nell’alternanza in quello che dovrebbe essere l’undici ufficiale.

Non dimentichiamoci che il nuovo mister rossoblù è arrivato in un ambiente a lui totalmente sconosciuto anche se, da professionista della serie, ha costantemente monitorato gran parte delle squadre dei due gironi ed oltre. Da aggiungere che non ha avuto neanche una settimana a disposizione per poter studiare il materiale a disposizione.

D’altro canto alle porte c’è un Verona frustrato dal fatto di ritrovarsi in una Prima Divisione che le va stretta, se non altro per i trascorsi calcistici: unica squadra calcistica di provincia ad aver vinto uno scudetto dal dopoguerra ad oggi. Tornando alla Samb è ormai assodato che in porta giochi Marconato. La difesa dovrebbe schierarsi all’incirca come a Crema con Tinazzi, Caccavale, Moi, Sirignano.

Discorso aperto per il centrocampo. Sulla carta sicuri Carozza e Palladini. Con un probabile ballottaggio tra Visone, Ferrini e Forò per il terzo posto. Mentre per i due esterni c’è l’affollamento: Titone, Morini, Magnani, Morini. Per la punta la scelta scontata rimane Cammarata visto che Pippi è di nuovo infortunato, Pietribiasi è arrivato da poco e Califano non ha ancora i novanta minuti nelle gambe, sia per l’età che per il fatto di essere rimasto inattivo per un discreto periodo di tempo.

Nel frattempo si apprende dall’Osservatorio che per “motivi di ordine pubblico” sarà vietata la trasferta ai tifosi del Verona in quanto l’incontro è stato giudicato tra quelli ad “alto rischio”. Non ci sarà neanche l’allenatore scaligero Gian Marco Remondina squalificato per una giornata.

Così come risulta diffidato il giocatore gialloblù Marco Parolo. Arbitrerà l’incontro Piero Giacomelli di Trieste con inizio alle 14,30. Collaboratori di linea Liberato Masuccio e Fausto Vuolo.

Nel link “ http://www.hellasverona.it/news “ è possibile leggere un’intervista al difensore veronese Leonardo Moracci riguardo all’incontro di domenica 25 gennaio al “Riviera delle Palme”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.271 volte, 1 oggi)