Mourinho. Secondo Repubblica e Corriere della Sera il tecnico dell’Inter Josè Mourinho nella settimana scorsa, dopo la sconfitta con l’Atalanta avrebbe detto ai suoi calciatori che 1– hanno vinto uno scudetto in segreteria 2-un altro contro nessuno 3– il terzo all’ultimo minuto.
Io non ci credo perché 1– le cose non stanno o stavano così: le sentenze sportive hanno da sempre stravolto le classifiche 2– ritengo il tecnico portoghese una persona molto intelligente 3– Moratti avrebbe già anticipato le agenzie di stampa mandandolo via e forse querelandalo per danno all’immagine.
Tutto però è possibile e mi sembra stranissimo che giornali di quel calibro abbiano divulgato una simile notizia neanche fosse il primo aprile.
Se la notizia fosse vera smetterei di tifare Inter fino a quando la sua panchina sarà occupata da Mourinho. Non la meriterebbe principalmente perché avrebbe fatto un’affermazione su una vicenda vissuta a distanza di migliaia di chilometri e che lui quindi conosce solo per “sentito dire”.
Non varrebbe nulla, anzi peggiorerebbe la sua posizione, se avesse pronunciato certe parole al solo scopo di stimolare la voglia di riscatto dei calciatori. Ancora più strane le sue affermazioni se messe a confronto con quelle rilasciate subito dopo l’ultimo Inter-Juventus: «Ho visto in campo oggi tutta la rabbia di persone che hanno subito anni di ingiustizie».
Insomma qualcosa non quadra per cui voglio credere che abbia detto questo: «Se fate altre partite come quella con l’Atalanta date ragione a chi, ingiustamente, dice che avete vinto gli ultimi tre campionati in segreteria, contro nessuno e solo all’ultimo minuto. Devo anch’io pensare che è così?».
Non sarebbe accettabile lo stesso per i tifosi interisti ma comprensibile sì. Vedremo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.396 volte, 1 oggi)