GROTTAMMARE – «Come mai nella importante fiera turistica tedesca CMT di Stoccarda, che si sta svolgendo in questi giorni (17-25 gennaio) non ci sono i cataloghi con i prezzi 2009 del Consorzio Turistico Riviera delle Palme? E perché neanche alla fiera austriaca di Vienna (Ferien dal 15-18 gennaio), nessun catalogo istituzionale di Grottammare e della Riviera delle Palme era presente?».

A chiederselo è Umberto Scartozzi, presidente dell’Associazione Operatori turistici di Grottammare, che proprio recentemente ha presentato i cataloghi Aot Grottammare, presenti anche alle fiere succitate.

«Ad essere penalizzati – continua Scartozzi – sono gli alberghi e tutte le strutture ricettive di Grottammare, che il Comune di Grottammare invece dovrebbe tutelare assicurandone la promozione nelle fiere europee, visto che lo stesso Comune ogni anno elargisce al Consorzio ben 12 mila euro di contributo».

Il presidente dell’Aot continua affermando che “oltre al danno anche la beffa”, visto che in occasione di una riunione di poche settimane fa, di fronte alle critiche poste dall’associazione, l’assessore al Turismo Piergallini ha confermato il sostegno del Comune al Consorzio, con totale fiducia al suo operato.

«Mentre noi privati siamo già pronti con il catalogo, da parte del Consorzio ancora non si ha neppure la bozza del prezzario, nè si sa con tempi certi quando il prezzario verrà stampato, a dimostrazione che i soldi elargiti servono al Consorzio solo a pagare se stesso e niente altro. Il classico “carrozzone politico”».

«È ora che i nostri politici si assumano tutte le loro responsabilità – conclude Scartozzi – in quanto non è più accettabile, che si assista ogni anno a questa situazione e che, specie in questo periodo di crisi e con la concorrenza sempre più agguerrita, si sprechino i soldi dei cittadini senza alcuna tutela per gli operatori turistici di Grottammare».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 815 volte, 1 oggi)