ANCONA – La Giunta regionale ha approvato, su proposta dell’assessore alla Sanità Almerino Mezzolani, le linee guida del programma di screening del carcinoma del collo dell’utero, della mammella e del colon-retto e l’aggiornamento dei protocolli diagnostico-terapeutici. Il programma, denominato “Prevenire è volersi bene“, rientra – spiega l’assessore – tra gli adempimenti prioritari regionali previsti dal Piano nazionale della prevenzione che pone particolare attenzione al problema della diagnosi precoce delle patologie oncologiche femminili e del tumore del colon-retto, definendo modalità e criteri di realizzazione dei programmi di screening che debbono essere rivolti a tutto il target della popolazione nel pieno rispetto degli standard di qualità”.

«La Regione – ricorda Mezzolani – ha attivato sin dal 2001 le azioni per consolidare lo screening dei tumori femminili e avviare lo screening del tumore colorettale, di cui nel 2005 è stata effettuata una sperimentazione nella Zona Territoriale n. 3 di Fano. Obiettivi prioritari perseguiti con la revisione dell’organizzazione regionale e locale dei programmi di screening oncologici e con l’aggiornamento dei relativi protocolli diagnostico-terapeutici in modo da offrire efficaci percorsi di prevenzione secondaria su tutto il territorio, evitare difformità di interpretazione e ridefinire interventi più appropriati per la diagnosi e la cura delle neoplasie». Per l’attuazione degli interventi è prevista una spesa complessiva di 1.137.000,00 euro.

In base alla statistica, il tumore più frequente tra le donne è il carcinoma mammario; la seconda neoplasia femminile è il carcinoma del collo dell’utero; di qui l’importanza della prevenzione – è stato dimostrato che il ricorso alla tecniche di diagnosi preventiva – pap-test, prelievi, ecc.- riduce in maniera significativa il tasso di mortalità; non va, infine, trascurata la prevenzione del carcinoma del colon – retto, seconda causa di morte per tumore tra la popolazione; in questo caso lo screening si basa sulla colonscopia e sulla ricerca di sangue occulto nelle feci, un test affidabile, a basso costo e di semplice esecuzione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 640 volte, 1 oggi)