GROTTAMMARE – «La settimana scorsa abbiamo rivolto un invito al sindaco Merli affinché ritirasse o quantomeno riducesse drasticamente i pesanti ed ingiusti aumenti imposti sulla TARSU, sulla retta dell’asilo nido e sui buoni pasto delle mense scolastiche. Quello stesso giorno anche un importante esponente delle istituzioni locali, il Vice Presidente della Provincia di Ascoli Piceno Mandozzi ha lanciato un appello alle amministrazioni comunali in tal senso».

La Formica “non molla” e nei cartelloni settimanali affronta il problema aumenti, portando ad esempio l’esprtazione del vice presidente Mandozzi che «in nome della solidarietà e della coesione sociale, ha perfino esortato le amministrazioni comunali non solo ad evitare tali aumenti, ma addirittura ad abbassare i costi dei servizi scolastici (mense e trasporto) e delle rette degli asili nido».

Nel suo appello Emidio Mandozzi si riferiva alla possibilità di « poter tagliare per un anno i costi di alcuni servizi scolastici alle famiglie con figli in età scolare. Servizi riferiti ad esempio alle rette di mense e trasporto scolastico, così come si potrebbe pensare di decurtare il costo delle rette mensili degli asili nido. Così facendo, tante famiglie potrebbero vedere alleggerirsi, seppur di poco (considerando che il costo mensa di un mese per un figlio si aggira intorno ai 50 euro), la gravità della sussistenza economica. Anche questa è solidarietà».

Sabato 17 gennaio, durante la presentazione del bilancio 2009, il sindaco Merli ha spiegato il perché dell’aumento dei blocchetti per il pasto scolastico: «La fiscalità locale è vergognosamente vessata dalle Finanziarie degli ultimi 8 anni» (Merli sui buoni mensa: «Non avrei voluto aumentarli» ).

La Formica conclude: «Nell’interesse di tutti i cittadini auspichiamo che il PD di Grottammare ed i suoi consiglieri comunali tengano nella dovuta considerazione il sacrosanto appello del vice presidente Mandozzi, dirigente della federazione provinciale del PD e futuro candidato alla presidenza della Provincia di Ascoli Piceno».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 558 volte, 1 oggi)