SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Dedico questa mostra ai miei pazienti, che ringrazio perché mi danno l’opportunità ed il piacere di assistere alla bellezza della loro crescita»: è una delle frasi che il dottor Patrizio Marcelli, noto ed apprezzato pediatra della città di San Benedetto del Tronto, ha scritto nel depliant illustrativo ed esplicativo relativo all’esposizione dei suoi lavori posti all’attenzione del pubblico, nello scorso periodo di festività natalizie, negli spazi della storica cornice della Palazzina Azzurra di San Benedetto del Tronto.
Patrizio Marcelli umanità, passione artificio”: così l’artista ha titolato la sua mostra in cui i moltissimi visitatori hanno ammirato la copiosa produzione artistica che si sostanzia dapprima nella creazione e realizzazione di bellissime immagini sacre, in cui l’effige principale, oggetto dell’interesse dell’artista, è quella della Beata Vergine Maria che abbraccia amorevolmente il Bambin Gesù.
E’ l’icona paradigmatica della sacralità della vita. L’artista in questo modo lancia e comunica a tutti un messaggio fondamentale: la vita è sacra ma lo è ancor di più se pensiamo ai neonati, ai pargoli, che hanno il sacramento diritto di crescere al meglio. A costoro, nobili creature di Dio, l’artista Marcelli ha voluto dedicare la sua mostra di lavori  artistici.
Altrettanto belli, artisticamente parlando, sono i crocifissi finemente decorati e i singolari presepi ideati e posti nelle peculiari lancette sambenedettesi, il tutto rigorosamente in ceramica.
Sono lavori davvero stupendi contraddistinti da colori caldi ben amalgamati. Da queste piacevolissime realizzazioni si percepisce il notevole spessore umano dell’artista particolarmente attento anche all’aspetto artistico della realizzazione in quanto tale.
L’anelito creativo dell’eclettico artista autodidatta, Patrizio Marcelli, non si è mai sopito tanto che la ricerca e l’apprendimento di nuove tecniche artistiche sono stati sempre il minimo comun denominatore della sua produzione artistica sviluppata nel corso degli anni fino a scoprire , quindi, a conoscere e a praticare l’antica tecnica orientale denominata “raku”.
Grazie al suo estro creativo e perizia dalle sue mani hanno preso corpo creazioni stupefacenti per originalità di forma e qualità degli smalti. Risultato ottenuto in virtù dell’autentica passione profusa dal dottor Marcelli nel dar forma alle sue idee artistiche.
Ulteriore tappa del percorso creativo dell’artista sambenedettese è costituita dalla consapevolezza che l’arte della ceramica è una delle forme espressive più complesse perché idonea a fondere la pittura e la scultura in un’unica opera: il dottor Marcelli, quindi, ha poi concentrato la sua inesauribile energia creativa  verso la maiolica creando grandi piatti e gruppo scultorei di forte impatto evocativo.
Ecco, in tale ambito, siamo nell’artificio espressione di un’intelligenza creativa, eclettica in cui coesistono armonicamente umanità, passione e, chiaramente, artificio.
L’iniziativa si è svolta in collaborazione con il Comune di San Benedetto del Tronto, della Provincia di Ascoli Piceno e altri sponsor.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 961 volte, 1 oggi)