CASOLI (CH) – Non deludono i ragazzi del Centobuchi sull’ostico campo, in tutti i sensi, del Casoli riuscendo a mettere in difficoltà la quasi prima della classe anche se in risultato non va oltre le reti bianche.
Dicevamo campo in sintetico ma non dell’ultima generazione sul quale gli ospiti all’inizio si muovono sgraziatamente faticando a trovare i ritmi giusti e le giocate migliori mentre di contro i padroni di casa ostentano un gioco molto elementare fatto di lunghi lanci dalle retrovie verso le punte avanzate.
Così nella prima frazione di gara si registrano solo due pericoli tenuti a bada dall’attento Delfino con i biancocelesti che invece provano ad avvantaggiarsi quando Smerilli indirizza fiacco verso la porta locale.
La ripresa si presenta molto frammentaria e spezzettata per i continui stop imposti dal direttore di gara e l’unica emozione forte è rappresentata da un dubbiosissimo penalty assegnato a favore del Casoli che fortunatamente Chicco calcia debolmente permettendo al portiere marchigiano di neutralizzare. Sostituzione al 73’ per infortunio di Corradetti (rottura del setto nasale) e gioco che sembra favorire l’attacco ospite ringalluzzito con un paio di belle opportunità mal finalizzate.
Pareggio dunque che calza a pennello per l’odierno incontro frutto di diverse negatività riscontrate in entrambe le formazioni.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 676 volte, 1 oggi)