ASCOLI PICENO – Adesso cosa farà Massimo Rossi? La “grana” dei rimborsi ai dipendenti provinciali che si trasferiranno da Ascoli a Fermo a causa della nascita della provincia bonsai fermana (e non che quella superstite picena possa dirsi differente) passa attraverso la bocciatura ufficiale del documento precedentemente discusso in giunta da parte del Partito Democratico, nell’assemblea provinciale di venerdì sera.

Il Pd, infatti, con soli due contrari e qualche astenuto, ha approvato una linea di comportamento differente rispetto a quanto previsto da Rossi (rimborso di 15 mila euro una tantum ai dipendenti che accettassero il trasferimento), ovvero di consentire, a questi dipendenti, l’uso dei mezzi pubblici (treno e autobus) gratuitamente, con rimborso della Provincia. La linea del Pd si giustifica attraverso la considerazione che, dato il difficile momento dell’economia internazionale e picena, i lavoratori del settore privato sono costretti a spostarsi anche di decine e centinaia di chilometri per garantirsi una occupazione senza alcun tipo di rimborso spese. La proposta della giunta Rossi, invece, che dovrà poi essere discussa dai sindacati, è sembrata, al partito di maggioranza relativa, ancor più spinta di quanto gli stessi sindacati richiedessero.

Oltretutto il gruppo politico del vicepresidente Mandozzi teme che l’esborso complessivo richiesto da questa trattativa possa essere così consistente da bloccare il piano delle opere pubbliche non solo a venire, ma quello in corso e non ancora “cantierato”.

Con questa bocciatura, il Pd chiederà alla giunta Rossi di tenere in considerazione le nuove proposte. Occorrerà vedere se Rossi le accetterà, perché, in caso contrario, la frattura già da alcuni mesi aperta tra le due parti, rischia di risultare irriducibile in vista delle elezioni di giugno prossime.

Ma oltre ai dipendenti ordinari, occorrerà vedere le “clausole” che saranno inserite nel contratto di trasferimento dei dirigenti provinciali, che potrebbero risultare molto più onerose.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 916 volte, 1 oggi)