SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Partita decisiva sotto molti aspetti per la Samb, quella di domani contro il forte Novara. I rossoblu hanno concluso il 2008 nel peggiore dei modi possibili: quattro sconfitte consecutive, 10 gol presi e uno solo realizzato, con il penultimo posto in classifica, e una sola lunghezza dall’ultimissima posizione.

La società ha cercato di invertire la rotta – ci aveva provato già prima, in realtà, con l’arrivo del nuovo diesse Evangelisti – e, nella prima settimana di gennaio, ecco l’arrivo dei rinforzi: l’esperto attaccante Cammarata, il promettente centrocampista Carozza, e l’altrettanto auspicato terzino sinistro Sirignano. Giocatori che potrebbero essere tutti titolari già domani (l’unico dubbio è Carozza).

Gara fondamentale anche per mister Piccioni. Su questo ci preme tornare, per evitare equivoci: l’esonero di Piccioni era nella logica delle cose. Il suo mantenimento, nelle regole non scritte del calcio, vuol dire che, secondo la società, gli errori sono stati commessi questa estate da Natali (ma con chi si consigliava?) e, principalmente, proprio dai Tormenti. Che evidentemente non hanno ritenuto, nonostante i risultati da record negativo, addossare all’allenatore alcuna responsabilità, assumendo queste colpe (sportive, si intende) in proprio. Per i Tormenti sarebbe stato più logico, come fatto per tre volte nelle loro prime due stagioni, sollevare l’allenatore dall’incarico e tentare la svolta.

A questo punto, naturalmente, si spera che le pecche della formazione fossero davvero, tutte, nell’infinita serie di infortuni, indisponibilità e contrattempi che hanno caratterizzato il girone di andata. Primo tra tutti, Pippi, l’unico centravanti, quasi mai disponibile. Un Pippi che finalmente sembra essersi ristabilito, e che domani farà coppia con Cammarata in attacco. Alle loro spalle dovrebbe giocare, nel ruolo forse a lui più congeniale di trequartista, Titone, con un trio di centrocampo formato da Ferrini e Forò e uno tra Carozza e Visone. Sirignano esordirà a sinistra. Indisponibile Palladini.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.187 volte, 1 oggi)