SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Non c’è turismo senza promozione del territorio, e stavolta la promozione del territorio passa per il frigo bar delle stanze d’albergo.

L’idea è della Confindustria e a presentarla sono il presidente della sezione turismo Marco Calvaresi e il presidente della sezione agroalimentare Luciano Aubert.

Spiegano infatti: «Il progetto è semplice e si tratta di far trovare ai turisti, nei tradizionali frigo bar degli alberghi che vorranno aderire all’iniziativa, prodotti locali rappresentativi del territorio, insieme ad opuscoli specializzati che ne illustrino l’origine e la storia delle relative aziende. Lo scopo è quello di creare nel turista il ricordo della vacanza associato ai prodotti del luogo, ma anche spronarlo ad andare ad acquistare poi questi prodotti».

«L’ideale – aggiunge Calvaresi – sarebbe poi personalizzarli con il nome dell’albergo, e in futuro andare a creare un marchio unico che li comprenda tutti questi prodotti, in modo da essere ancora più uniti e rappresentativi del territorio».

«Siamo convinti – proseguono i rappresentanti di Confindustria – che si tratti di una valida idea proprio perché oggi più che mai occorre difendere il territorio e i suoi prodotti di eccellenza, dato che il 70% del turismo della Provincia di Ascoli si basa sull’enogastronomia».

Conclude Aubert con una curiosità: «La sezione agroalimentare di Confindustria sta creando un libro sui prodotti di eccellenza che caratterizzano il territorio, in modo che tutti possano andare a verificare quali siano veramente e dove trovarli. Sarà pronto per la prossima estate».

Anche il presidente dell’Aot (operatori turistici Grottammare), Umberto Scartozzi, è entusiasta dell’idea e afferma: «Mi impegnerò a diffondere la notizia tra i miei associati» e propone inoltre di creare una versione on-line del catalogo di eccellenza precedentemente descritto.

Per ora le aziende che hanno aderito a questa iniziativa sono Casato Vini, Meletti con la sua anisetta ed i suoi liquori, i vini e gli spumanti di Velenosi, la Cioccolata di Giammarini, l’acqua minerale di Hostbrook, i mini snack di Lst e le bibite gassate di Paoletti. Confindustria è comunque disposta ad accogliere altre aziende.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.287 volte, 1 oggi)