ASCOLI PICENO- La sede provinciale della Polizia di Stato ha reso noti i dati dell’attività svolta per il 2008. Rispetto al 2007 sono diminuiti gli arresti per reati  connessi alla violazione della legge sugli stupefacenti passando dalle 235 persone del 2007 alle 181 di quest’anno.

Nello specifico, a fronte di una sensibile diminuzione della quantità di eroina sequestrata, 325 grammi contro i 1.440 dello scorso anno, si verifica un aumento vertiginoso della  cocaina che, in un solo anno, è passato dai 1.200 grammi  a 8.730 dell’anno in scadenza. Così come il quantitativo di hashish sequestrato: 1.160 grammi contro gli appena 205 dell’anno passato. Nella sezione dei furti in generale c’è una inversione di tendenza in positivo: il loro numero è sceso da 1.111 a 908 unità. Diminuiscono di pari passo anche le truffe, da 455 a 218. Tra le maggiori operazioni di rilievo dei diversi settori si segnalano:

STUPEFACENTI:

Il  5 agosto gli agenti del Commissariato di P.S. di San Benedetto del Tronto, nell’ambito dell’operazione tesa al contrasto di spaccio di sostanze stupefacenti, ha tratto in arresto Admir Miftari e Vejsel Miftari entrambi 21enni e cittadini macedoni, responsabili di detenzione al fine di spaccio di sostanze stupefacenti. Durante l’operazione sono stati sequestrati 77 grammi circa di eroina e 16,5 grammi di cocaina.

Sempre ad opera dello stesso Commissariato nel mese di Agosto 2008, l’arresto nella flagranza di reato di Raffaele Giordano, noto pluripregiudicato. La successiva perquisizione estesa anche al domicilio, consentiva di rinvenire e sequestrare 20 capsule contenenti 18 grammi di eroina e 2 capsule contenenti 2 grammi di cocaina.

Il 19 dicembre personale della Squadra Mobile di Ascoli nell’ambito dell’operazione “Blazing Angels” traeva in arresto Patrizia Bachetti 47 enne del luogo, e Alberto Luciani 34 enne di San Benedetto del Tronto, responsabili di detenzione al fine di spaccio di sostanze stupefacenti. Durante l’operazione sono stati sequestrati 92 grammi di eroina e 5 grammi di cocaina.

                                                                                         

REATI CONTRO IL PATRIMONIO:                                                                                                                             Tra le più clamorose operazioni andate a buon fine si ricordano quella del mese di Maggio 2008, dopo accurate indagini da parte del personale del Commissariato di San Benedetto del Tronto, concluse a novembre, hanno dato la possibilità di richiedere all’A.G. l’emissione di provvedimenti restrittivi nei confronti di due pluripregiudicati di fuori provincia: Paolo Pennacchione e Andrea Simone, ritenuti responsabili di 15 rapine in banca perpetrate in diverse località marchigiane ed abruzzesi, nonché su di un terzo elemento, Antonio Nicolai, incensurato, impiegato nella provincia di Pescara.

Mentre il 5 dicembre la locale Squadra Mobile unitamente a quello del Commissariato di P.S. di San Benedetto del Tronto, traevano in arresto Mimmo Di Lorenzo 38 enne e Paolo Gasparrini 36 enne, entrambi di San Benedetto del Tronto.

I due risulteranno responsabili  dei reati di morte come conseguenza di altro delitto, incendio, distruzione di cadavere ed omissione di soccorso. I due soggetti a seguito di laboriose ed articolate indagini venivano individuati come i responsabili della morte di Luca Ranalli, nato a Teramo il 26/01/1966.

In breve i fatti: nella giornata del 21 ottobre il Di Lorenzo, dopo essersi incontrato con la vittima, si proponeva come intermediario per l’acquisto di dosi di eroina dal  Gasparrini.

Successivamente, dopo essersela iniettata il Ranalli veniva colpito da un malore fatale. Preso dal panico Di Lorenzo caricava il corpo del Ranalli per poi abbandonarlo nei pressi dell’ospedale “Madonna del Soccorso” dopo aver appiccato il fuoco all’interno dell’abitacolo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.704 volte, 1 oggi)