SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dopo aver vinto domenica fuori casa con un eclatante 80 a zero contro il Fabriano, la Legio Picena si conferma la vera rivelazione del campionato di serie C. Domenica 21 i rossoblu invitano tutta la città ad intervenire alla partita che giocheranno in casa contro l’ Unione Orvietana Rugby, pericolosa numero due nella classifica generale del girone Marche-Umbria.

La partita che si disputerà presso il mitico campo Rodi di San Benedetto del Tronto vedrà l’ “Enfant terrible ” sambenedettese in uno scontro al vertice senza precedenti visto da new entry del campionato, con al suo attivo ben nove partite vinte e un solo pareggio. I ragazzi della Legio anche se hanno bocche cucite e non esprimono pronostici, sembrano tuttavia ben determinati e animati da un ammirevole entusiasmo. Questa squadra che sta facendo onore alla migliore tradizione rugbystica locale ha fino a ora dimostrato di avere tutte le carte in regola per rilanciare questo sport in questa città ove è presente da oltre trenta anni.

Come non ricordare il pluri nazionale Pierluigi Camiscioni e le molte generazioni di giovani sambenedettesi illustri e meno illustri che hanno avuto a che fare con la palla ovale e che ora tifano per questi rosso-blu .Come non ricordare quelli della Fiamma rugby o ancora della Stella Rossa e via via tutti gli altri che fin ad oggi hanno portato alti i colori sambenedettesi nei campi da rugby di tutt’Italia. La Legio è una squadra che, oltre ad una notevole preparazione tecnica, sta dimostrando appieno come la filosofia di questo sport sia basata sull’amicizia e il grande spirito di collaborazione disinteressato e incondizionato.
Formazione probabile:

Angelini M., Citeroni, Spinozzi P., Di rosa, Palestini, M ita, Angelini A , Apostoli, La Riccia, Buonamici, Spinozzi E., Gagliardi V., Stracci, Falaschetti , Gagliardi R., Mecozzi, Iaconi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 732 volte, 1 oggi)