SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Le Marche hanno un potenziale di risorse umane e paesaggistiche ancora tutte da sfruttare. L’importante è diventarne finalmente coscienti e saperle gestire. Questo in sintesi la conclusione dell’incontro tra le varie consulte regionali (presenti Ancona, Macerata, Fermo, Ascoli) di Confindustria Turismo e Agroalimentare tenutosi pressi i locali del ristorante “Il Pescatore”.

A fare gli onori di casa Marco Calvaresi nella sua veste di presidente di Confindustria Turismo per la Provincia. Mentre Tommaso Caroselli Leali, vicepresidente regionale rileva: «La crisi in atto era già presente due anni fa. Solo che nessuno sembrava farci caso. Ora ci siamo in pieno e solo una strategia composita tra tutte le forze produttive della nostra regione potrà aiutarci ad uscirne. Responsabilità gravissime hanno tutti quei politici che stanno ritardando opere già progettate e finanziate come il ponte sul fiume Tronto».

Gli faceva eco Paola Bichisecchi, direttrice regionale la quale, dopo aver portato i saluti del presidente regionale Federico Vitali, sottolineava come: «Si dovranno porre in essere tutte le strategie in grado di risollevare l’attuale situazione contando anche sui Fondi per le Politiche Comunitarie già stanziati per il 2007-2013. Occorre rafforzare il nostro marketing territoriale tramite un sistema di politiche integrate che potrebbero essere frutto del lavoro di gente di tutte le forze regionali».

Mentre il Direttore dell’Ufficio Promozione Turistica Sandro Belardi lancia l’idea di una “Borsa dell’Enogastronomia” al fine di valorizzare al massimo il Prodotto Marche che sta riscuotendo sempre più attenzione nei mercati esteri.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 522 volte, 1 oggi)