MARTINSCURO – «Faremo dura opposizione contro gli inutili sprechi di denaro perpetrati dall’amministrazione»: i due ex assessori di An Luigino Fedeli e Giacinto De Luca, passati dopo la revoca delle deleghe al gruppo di opposizione, ritengono che in un anno e mezzo di amministrazione Di Salvatore, ritrovatasi peraltro a gestire delle casse comunali pressoché vuote, non tutte le scelte operate in termini di spese siano state oculate.

«Troppi finanziamenti ad associazioni varie per le feste estive – ha spiegato De Luca – di cui si sarebbe potuto fare a meno». Ma nelle mire dei due consiglieri di An finisce anche la recente reintroduzione della Commissione per i procedimenti disciplinari, abolita dalla precedente amministrazione Maloni nel 2004.

«I compiti svolti dalla commissione – ha affermato Fedeli – erano in precedenza svolti dal solo direttore generale, in quanto ritenuto il soggetto più idoneo a svolgere tale funzione, e senza ulteriori costi aggiuntivi. Ora questo nuovo organo, composto dal direttore generale Giulia Colangelo e da due membri esterni costituisce solo una spesa in più per il Comune che poteva benissimo essere evitata».

Nello specifico i costi per la costituzione della Commissione ammontano a oltre 11 mila euro annui: 3750 euro lordi per ogni membro e spese di rimborso chilometrico.

«Quella somma – affermano i due consiglieri – poteva essere impiegata per destinazioni più utili alla città».

«L’istituzione della Commissione, che si riunisce solo in casi di estrema gravità come ad esempio il licenziamento – è stata la pronta risposta della Colangelo – è un’ulteriore garanzia per il dipendente che deve essere giudicato: il parere di tre membri è senza dubbio più imparziale e obiettivo del solo giudizio del direttore generale, che in precedenza svolgeva da solo tale compito».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 507 volte, 1 oggi)