SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una domenica di grande boxe al PalaSpeca, come testimonianza e riconoscimento del buon momento della “nobile arte” a San Benedetto, grazie all’opera della Accademia Pugilistica Sambenedettese Gladium del maestro Kabunda Kamanga.

E’ stato il presidente regionale della Federazione Pugilistica Italiana Gabriele Fradeani a introdurre l’evento. Carel Sandon, nipote di Patrizio Kalambay e allenato proprio dall’ex campione del mondo, sfida Wladimir Borow per i pesi Leggeri ed è soprannominato El Puma per la sua tecnica veloce e spettacolare. “Ha 25 anni, è nato in Zaire ed è al settimo incontro fra i professionisti. Con lui lo spettacolo è assicurato. Ha già avuto due richieste per contendere il titolo italiano, entro l’estate combatterà per il titolo”.

Il bulgaro Borow, da parte sua, ha l’esperienza dei suoi 69 combattimenti fra i professionisti.
Si combatterà sulle sei riprese da tre minuti. Prima si disputeranno i seguenti incontri per i pugili della Gladium.

pesi m. massimi Tryzna Bartolomeo – Marucci (Olympia Ascoli)

pesi m. massimi Gulamuso Aimedo – Ricca (Pugilistica Di Giacomo)

pesi m. massimi Coccia Riccardo – Gallo (Boxe Pesaro)

pesi medi Secchiaroli Silvio – Cavanini (Nike Fermo)

pesi medi Galasso Giuseppe – Latini (Olympia Ascoli)

pesi welter Capecci Giammario – Bracco (Nike Fermo)

Il sindaco Gaspari ha rilevato l’importanza dell’evento sportivo, svelando la sua giovanile passione per la boxe: “La nostra amministrazione è vicina a tutti gli sport. A fine anno non è facile trovare risorse economiche, ma per questa manifestazione l’abbiamo fatto. Se ci sarà partecipazione, il Comune asseconderà la crescita di questo sport, impegnandosi a ospitare anche altri appuntamenti”.

Il neo presidente della Gladium Luigi Cava ha ringraziato il Comune, manifestando ottimismo sul movimento pugilistico in città: “Abbiamo una scuderia di 12 pugili e una cinquantina di praticanti. Non esito a dire che a San Benedetto c’è la scuola più vitale di tutte le Marche”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.197 volte, 1 oggi)