GROTTAMMARE – Venerdì 21 novembre la signora Susanna Faviani si è recata nella classe 4° B della scuola primaria Giuseppe Speranza di Grottammare. I bambini le hanno fatto alcune domande sull’organizzazione del Presepe vivente, poiché la signora Faviani è una delle organizzatrici ed è parte dell’associazione Presepe vivente; lei disegna i vestiti per i partecipanti (che poi vengono realizzati da uno stabilimento specializzato del Fermano), mentre suo marito Carlo Gentili crea le scenografie, che, in alcuni casi, come per il muro di ingresso dell’edizione scorsa, sono realizzati con materiali riciclati, come ad esempio, casse di polistirolo.
Come ogni anno il Presepe, che ha avuto la prima edizione nel 2004, si svolge al Paese alto di Grottammare nei giorni 26 dicembre, 1° e 6 gennaio. All’entrata i visitatori ricevono una moneta di rame; infatti ogni anno sulla faccia della moneta c’è un disegno diverso: quest’anno il simbolo sarà il Tempio Ebraico. Nelle vie del Paese alto, durante la rappresentazione, sono presenti molti animali, come accadeva nelle città al tempo di Gesù: galline, pecore, maiali, l’asinello e il bue, le oche, i pesci, i cavalli.
Per i bambini della classe 4° B, venire a conoscenza di tutti questi dettagli sulla manifestazione è stata un’esperienza bellissima: l’intervista realizzata alla signora Susanna Faviani verrà poi pubblicata sul giornalino scolastico “Cronache della Speranza“.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 627 volte, 1 oggi)