ASCOLI PICENO –  Cinque rapine in quattro mesi di cui tre nel solo periodo di luglio per bottini che andavano da 410 a 9.900 euro. Tutte nel territorio compreso tra Ascoli e Castel di Lama. Ma l’ultima, quella ai danni  della Banca Toscana di Castel di Lama, verificatasi nel primo pomeriggio del 12.9.2008 è stata fatale per F.G. classe 1959.

Infatti quest’ultima, per la quale il rapinatore era stato arrestato in flagranza di reato, è servita alla Squadra Mobile della Questura che ne ha minuziosamente analizzato le modalità di esecuzione, sentito i numerosi testimoni e visionati i filmati a disposizione dagli impianti di video-sorveglianza.

Quindi, una volta acquisito il quadro di insieme, lo si è confrontato con altre rapine che presentavano le stesse caratteristiche o “modus operandi”. Da qui non ci è voluto molto agli agenti della Polizia coadiuvati dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Ascoli Piceno per risalire all’indagato.

A conclusione dell’attività investigativa, il Gip presso il Tribunale di Ascoli Piceno, dottoressa Annalisa Gianfelice, su richiesta del P.M. dottor Umberto Monti, ha emesso la misura cautelare della detenzione in carcere a carico del F. G. Lo stesso, nelle prime ore della mattinata di mercoledi, è stato arrestato e condotto presso la locale Casa Circondariale di Marino del Tronto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 782 volte, 1 oggi)