GROTTAMMARE – Sistemare il tratto del Lungomare della Repubblica compreso fra il fiume Tesino e via Balestra, il fine. Il mezzo un concorso di idee, bandito dal Comune, per avere una pluralità di idee su cui orientare la scelta.

La partecipazione è aperta a tutti i progettisti architetti ed ingegneri civili ed ambientali, singoli o associati, iscritti nei rispettivi ordini Professionali. L’ambito territoriale del concorso è nazionale e comunque aperto alla partecipazione dei cittadini dell’Unione Europea.

All’idea giudicata vincitrice verrà attribuito il premio di  4 mila euro. Potranno inoltre essere riconosciuti progetti meritevoli di menzione, per un massimo di due. A questi, un premio di 500 euro ciascuno. Il bando scade il 27 febbraio 2009.

«Data la molteplicità degli elementi da considerare – spiega il sindaco Luigi Merli – il concorso di idee ci è sembrato lo strumento più idoneo per attivare una riflessione complessiva sull’area, dando l’opportunità di raccogliere una molteplicità di visioni e magari di stimolare la creatività dei più giovani. Si tratta di uno dei siti più delicati e sensibili della città perché collega la zona naturalistica del fiume allo storico lungomare pedonale. Rappresenta, inoltre, la conclusione di un lungo percorso di scelte volte alla sistemazione di tutto il nostro litorale, da Cupra Marittima a San Benedetto. Mi auguro che le idee progettuali che perverranno ci permettano di verificare il maggior numero di opzioni possibili per valorizzare questo tratto. Dal punto di vista temporale, l’iter  è stato studiato per consentire l’inizio dei lavori dopo l’estate 2009».

La progettazione dovrà considerare le aree comprese tra la sponda nord del fiume Tesino ed il lungomare della Repubblica. È esclusa l’area del ponte sul fiume Tesino mentre è ricompresa quella della nuova rotatoria in corrispondenza di via Ballestra e dell’innesto con il viale pedonale. Verso est, il limite dell’area d’intervento è costituito dalla spiaggia mentre verso ovest il confine è rappresentato dalle proprietà private che delimitano il lungomare. Il tutto rientrante in una lunghezza di circa 700 metri.

Sostanzialmente, le idee progettuali dovranno essere volte alla riqualificazione urbana e alla valorizzazione dell’area, caratterizzata da una forte componente ambientale. Si chiede, infatti, la ridefinizione dei percorsi carrabili, pedonali e ciclabili, la sistemazione del verde e dell’arredo urbano, il miglioramento dell’accessibilità e della fruibilità degli spazi sia in riferimento alle attività turistiche che, più in generale, a quelle della vita cittadina. Inoltre, dato il particolare momento fito-sanitario, sia nazionale che locale, che investe il patrimonio palmizio, si chiede ai progettisti di prevedere soluzioni che riducano al minimo possibile gli spostamenti delle palme esistenti sul tratto di lungomare oggetto d’intervento.

Per l’intervento, il Comune di Grottammare ha previsto uno spesa massima di  1 milione e 32 mila euro, di cui 770 mila euro provenienti da fondi regionali. La stima dei costi delle proposte dovrà pertanto essere contenuta all’interno di tale importo.

Per bando completo ed ulteriori informazioni www.comune.grottammare.ap.it  o rivolgersi all’Area Lavori Pubblici del Comune di Grottammare 0735.739218, anche a mezzo fax al numero 0735.739248

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.614 volte, 1 oggi)