MARTINSICURO – Venerdì mattina a Martinsicuro personale della Polizia ha dato esecuzione a due ordini di custodia cautelare nei confronti di M. L. M. e G. C. I due, entrambi domiciliati a Martinsicuro, vengono ritenuti responsabili di estorsione nei confronti di una cooperativa operante nella provincia di Ravenna.
Secondo le Questure di Teramo e Ravenna i due avrebbero minacciato il presidente della cooperativa, di cui uno di loro era stato dipendente.
La vittima nell’ottobre scorso denunciò tentativi di estorsione da parte dell’ex dipendente, che gli avrebbe chiesto 2000 euro lasciando intendere di possedere delle armi da fuoco.

L’8 ottobre scorso poi i due hanno avvicinato il dirigente a bordo della sua auto dopo che questi aveva accompagnato i figli a scuola, intimandogli di prelevare mille euro dal bancomat dietro minaccia di morte.
Il complice G.C. poi era salito dietro allo sportello del guidatore, impedendo alla vittima ogni possibilità di fuga.
I riscontri raccolti durante le indagini hanno consentito al gip del Tribunale di Ravenna di emettere l’ordinanza di custodia cautelare in carcere per i due.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 766 volte, 1 oggi)