MONTEPRANDONE – Pareva il classico dopo gara con allenatori e dirigenti a commentare un pareggio giusto per il Tolentino e un pari amaro per il Centobuchi. Il finale invece ha dell’incredibile con l’esonero in tronco del diesse Cicchi e di mister Izzotti.

In sala stampa il trainer dei biancocelesti ha giudicato giusto il punto conquistato ma si è rammaricato perché arrivato nel finale quando ormai si stava assaporando la vittoria ammettendo che il Tolentino non ha rubato nulla.
Deluso il diesse Cicchi: «Dispiace per il pareggio in zona Cesarini nonché su palla inattiva. Arbitraggio penalizzante perché il calcio di punizione non c’era anzi era simulazione inoltre il direttore di gara non ha visto due brutte entrate ai nostri danni  a centrocampo. Comunque i ragazzi si sono battuti bene e peccato per aver perso nel finale tre punti d’oro che ci avrebbero dato morale. Il mercato di dicembre? Il presidente si sta guardando attorno e sicuramente farà ciò che riterrà opportuno per far fare alla squadra un salto di qualità».
Queste sono state le ultime parole da diesse del Centobuchi. Alcune ore dopo patron Mongardini convocava un direttivo societario nel quale annunciava l’esonero di Cicchi e del tecnico Izzotti. Individuati i sostituti dei due licenziati: Italo Schiavi nel ruolo di diesse l’ex bomber Roberto Pruzzo in qualità di allenatore.

Soddisfatto invece il tecnico del Tolentino Favi: «Stiamo giocando bene già da diverse partite anche domenica facemmo un buon secondo tempo contro la Renato Curi pur perdendo 1-5. Oggi siamo stati meritatamente fortunati rispetto alle ultime trasferte in cui la palla non voleva entrare. Comunque dobbiamo correre e lottare se vogliamo centrare la salvezza. Nel prossimo scontro diretto con il Real Montecchio se giocheremo così non avremo problemi».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 993 volte, 1 oggi)