* dietista
SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dalla tradizione dei paesi del nord Europa, anche in molte regioni italiane è sentita l’usanza dei Mercatini di Natale, dove hanno inizio dalla fine di novembre alla vigilia di Natale o fino all’Epifania.

Casette di legno, semplici stand o bancarelle, addobbate con un’unica caratteristica: creare una magica atmosfera natalizia ed attirare l’attenzione con colori, luci, profumi e sapori, che riportano all’emozione dell’attesa… della festa più bella dell’anno.

Tutti gli artigiani mettono in esposizione i loro preziosi manufatti: personaggi del presepe, statuette in legno o in pasta di sale, oggetti in ceramica, palle in vetro soffiato, candele, nastri, idee regalo e mille decorazioni, alle quali si aggiungono le folte bancarelle con squisitezze culinarie del posto.

L’offerta è davvero ampia e non c’e che l’imbarazzo della scelta.

I mercatini rappresentano anche l’occasione per visitare e scoprire altre regioni del nostro paese e dell’Europa, non solo sotto l’aspetto culturale ma anche artistico.

Borghi medioevali, palazzi rinascimentali, centri storici e piazze fra i più affascinanti, ma anche cime innevate e luoghi invernali meravigliosi.

Tutte le piazze delle città hanno il proprio “mercatino”.

Bolzano, Bressanone, Merano, Vipiteno… ma anche Innsbruck, Salisburgo, Monaco, Norimberga, Parigi e tante altre ancora, così come le città a noi più vicine: Ascoli Piceno nel centro storico e San Benedetto del Tronto nell’isola pedonale.

L’incanto del momento viene accompagnato, naturalmente, da piacevoli note di sottofondo e, in molte città, numerosi concerti natalizi all’aperto o in sale riservate, regalano un’impronta ancora più romantica e suggestiva. Anche il profumo della pasticceria natalizia e del vin brulé, l’atmosfera allegra con risa e brindisi augurali, il tintinnio e il luccichio degli addobbi ci catturano e ci preparano al Natale, almeno si spera, sotto l’aspetto cristiano.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 866 volte, 1 oggi)