CENTOBUCHI: Albanesi, Trasatti, Coccia, Croceri, Corradetti,Marranconi, Cesani (70′ Francia), Simoni, Cardinali (80′ Calvaresi), Smerilli, Frinconi.
A disposizione: Freddi, Erbuto, Tulli, Filiaggi, Del Grande. Allenatore: Izzotti
TOLENTINO: Testa, Bigoni, Cremaschini, Contigiani, Cento, Calanchi (9′ Ortolani), Stefani (85′ Nobili), Iachini, Battaglia, Marani, Malaccari (72′ Marasca).
A disposizione: Bonifazi, Sgalla, Botta, Galli. Allenatore: Favi
Arbitro: Aversano di Treviso
Reti: 13′ Smerilli (C), 89′ Marani (T).
Ammoniti: Simoni (C), Cremaschini (T), Cento (T), Trasatti (C).
Angoli: 2-6
Recuperi: 1′ pt / 4′ st.
Sspettatori: 250 circa di cui 40 provenienti da Tolentino.
MONTEPRANDONE – Sfugge nel finale al Centobuchi il quinto successo stagionale (terzo in casa). Come l’anno scorso, al Comunale la sfida con i cremisi termina 1-1 ma stavolta è il Tolentino a pareggiare in extremis.
La squadra di Izzotti, infatti, dopo aver trovato il vantaggio nei primi minuti della contesa ha subito troppo l’iniziativa ospite, premiata quando ormai il match sembrava non avrebbe avuto più variazioni.
E’ stata comunque una apprezzabile battaglia agonistica soprattutto a centrocampo dove il livello d’agonismo è stato altissimo, le due squadre hanno combattuto su ogni pallone senza risparmiarsi su un terreno viscido e fangoso.
Il Centobuchi tra i pali ha rispolverato al posto del baby Freddi l’esperto Albanesi (autore di interventi davvero superlativi). Dopo soli 9 minuti i cremisi erano costretti a sostituire il loro esperto difensore Calanchi (contrattura) con Ortolani. Al 13′ Cardinali andava via sulla linea di fondo sinistra in direzione della porta, saltando anche Testa, crossava al centro dell’area dove Smerilli di testa appoggiava in rete rimasta sguarnita. Ma gli ospiti non si davano per vinti.
Al 19′ Marani dopo uno scambio nello stretto con Battaglia si trovava a tu per tu con Albanesi che era bravissimo a chiudergli lo specchio respingendogli la conclusione in angolo. Al 27′ Battaglia servito da Malaccari crossava per la testa di Marani, con palla che si perdeva di poco sul fondo. Intorno alla mezz’ora era lo stesso Marani a provarci, con una punizione a girare di poco sul fondo. Al 35′ era la volta di Stefani a tentare una conclusione che terminava però larga sul fondo. Sul finire di prima frazione conclusione da fuori dello stesso Stefani con palla che deviata da un difensore locale spiazzava Albanesi terminando però fuori di un soffio. Sugli sviluppi dell’angolo Cento di testa con palla alta sopra la traversa.
Nella ripresa chi si aspettava un rallentamento degli ospiti e uno sfruttamento di contropiedi da parte della formazione locale è stato smentito. Al 65′ Battaglia riceveva al centro dell’area da Stefani, anticipava i difensori biancocelesti in scivolata con palla che terminava però sul fondo. Un minuto dopo scambio Iachini-Cremaschini con quest’ultimo che giunto in area dalla sinistra sbagliava completamente la conclusione.
Lo stesso Cremaschini al 75′ si inseriva tra i difensori locali e batteva a rete con palla deviata in corner. Al 77′ Marani in area dalla destra si coordinava per una conclusione a girare che sfiorava il palo sinistro. L’unica palla gol vera dei biancocelesti nella ripresa capitava all’80’ quando il nuovo entrato Francia andava via sulla destra e sfoderava un tiro cross che attraversava tutta l’area e dove per un soffio non arrivava Smerilli all’impatto. All’85’ Marranconi salvava sulla linea di porta dopo che Albanesi era uscito su Battaglia lanciato a rete. All’88′ l’episodio che cambiava il risultato, quando sembrava che la gara di contenimento dei monteprandonesi fosse vicina al traguardo. Lancio lungo per il nuovo entrato Nobili che si lasciava cadere dentro l’area, i giocatori cremisi chiedevano il rigore, l’arbitro fermava il gioco, il pubblico pensava per ammonire l’attaccante ospite per simulazione ed invece il fischietto trevigiano, indicava un calcio di punizione dal limite che lasciava nello sgomento generale. Del calcio piazzato se ne incaricava Marani con una splendida parabola a girare che lasciava di sasso Albanesi regalando un pareggio insperato alla compagine maceratese. Finiva così con il quarto pareggio del Centobuchi (secondo in casa) e col Tolentino che come a Grottammare ha ottenuto il pari nel finale.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 698 volte, 1 oggi)