SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Alessandro Zocchi è uno dei tre volti che il Partito Democratico presenta ai suoi elettori e simpatizzanti, nel voto delle primarie di domenica 30 novembre. Il giovane presidente del Consorzio Turistico, al suo battesimo politico, invita a una partecipazione massiccia alle urne e fa un bilancio della sua esperienza: «A livello umano, mettermi a disposizione del partito per questa avventura è stato un percorso bellissimo. La campagna d’ascolto per la definizione del programma mi ha arricchito tanto, mettendomi in contatto con associazioni, giovani, società civile, cercando di raccogliere le esigenze di un territorio che vuole ancora contare».

Dal punto di vista del programma, il manifesto di Zocchi è comune agli altri due candidati del Pd, Emidio Mandozzi e Nazzareno Firmani: «La nuova Provincia di Ascoli non deve subire troppo la sua separazione da Fermo. Occorre uno sviluppo integrato e una politica senza frammentazione. Occorre puntare sul turismo, sulle infrastrutture, sull’artigianato, sul commercio, incentivare insomma quel tessuto di piccole e medie imprese che ci contraddistingue».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 637 volte, 1 oggi)