L’AQUILA – Dieci milioni e 600 mila euro è la somma che la Regione Abruzzo ha destinato alla messa in sicurezza di 92 edifici scolastici del territorio. La Giunta ha infatti approvato il Piano stralcio proposto dall’assessore ai Lavori Pubblici, Mimmo Srour. Il problema degli plessi non a norma è tornato, purtroppo, di stretta attualità dopo la tragedia del liceo “Darwin” di Rivoli, nel Torinese. Recenti inchieste vedono l’Abruzzo maglia nera quanto ad idoneità di scuole ed asili.

«Andremo ad incrementare il livello di sicurezza complessivo delle costruzioni scolastiche sia in relazione agli aspetti strutturali sia a quelli igienici, impiantistici e tecnologici – ha assicurato l’assessore Srour – Quanto accaduto al liceo torinese é un fatto gravissimo, che in un paese civile come il nostro, dove milioni e milioni sono investiti per la manutenzione, l’adeguamento e l’ammodernamento delle nostre scuole, non dovrebbe mai accadere. Mi auguro – ha concluso Srour – che queste risorse, seppur esigue, possano contribuire a migliorare tutti quegli edifici in reali difficoltà strutturali».

La somma stanziata proviene sia da fondi regionali stanziati con l’ultima variazione di bilancio (3 milioni di euro), sia da fondi statali (2 milioni e 855mila euro) sia da contributi di Enti locali (4 milioni e 745mila euro).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 409 volte, 1 oggi)