ACQUAVIVA PICENA – Pro Loco come ai vecchi tempi: lo scorso 26 ottobre, infatti, sono stati conferiti gli incarichi dell’associazione acquavivana che, dopo alcuni anni di stasi, conta ora di riprendere la normale attività promozionale per la città della Fortezza. Fabrizio Ioannone, già in passato presidente, è stato di nuovo incaricato di assolvere questo compito.

Una indicazione importante, perché Ioannone venne estromesso dal suo incarico in malo modo, dalla passata gestione, che poi di fatto bloccò le attività della Pro Loco. «Non si è trattato di una vera e propria elezione – spiega Ioannone – perché si era deciso di formare una unica lista e quindi sono stato indicato all’unanimità come la persona più adatta a diventare presidente».

I soci della Pro Loco, infatti, sono in numero limitato (41), per cui si è preferito evitare liste contrapposte. La nomina effettiva di Ioannone è avvenuta comunque la settimana successiva, quando il nuovo consiglio ha definito tutti gli incarichi. Vicepresidente Marianna Spaccasassi, Daniela Spinelli l’economa, Massimiliano Gaetani il segretario, mentre Alvaro Gasparrini è il presidente dei revisori dei conti, che comprendono anche Nadia Mosca e Napoleone Pulcini. Gli altri consiglieri sono Daniele Capretti, Maria Pia Olivieri, Davide Portelli, Alessandro Quinzi, Sibilla Recchioni, Alfredo Spina, Paride Travaglini.

«Un bel mix di gioventù ed esperienza» spiega Ioannone. Ma come sarà caratterizzata la rinnovata Pro Loco? Ioannone spiega che, innanzituttto, «abbiamo già approvato il nuovo Statuto, basato sulla democrazia e non sulle anomalie che hanno permesso in passato di estromettermi con arroganza e forza. Nei prossimi due mesi è prevista anche una assemblea straordinaria per scrivere il regolamento di elezione («In modo che possano essere espresse delle preferenze» scrive il presidente).

Buoni sembrano, in questo momento, i rapporti con l’amministrazione comunale, dopo che in passato, invece, furono burrascosi: «Anche se personalmente ho notoriamente idee politiche diverse, ci troviamo molto bene con l’amministrazione attuale, che ci consentirà di tornare ad occupare lo spazio dell’Ufficio Informazioni di piazza San Niccolò. Per la nostra riuscita, molto dipende dall’appoggio del Comune».

Quali saranno poi le novità, in concreto, della Pro Loco? «Innanzitutto, cercheremo di collaborare con tutte le associazioni cittadine, per aiutarle nelle loro attività promozionali, anche grazie ai benefici propri che sono appannaggio della Pro Loco. Personalmente mi piacerebbe far ripartire la manifestazione “Acqua Cactus Viva”, che si svolgeva a giugno ed è arrivata alla sesta edizione prima di essere abbandonata: era la porta verso l’estate, oltre a rappresentare un momento anche simpatico, con le gare tra i cittadini per la più bella pianta grassa esposta».

Ma visto che non manca molto al Natale, la Pro Loco collaborerà con il Comune di Acquaviva per l’organizzazione di un Concerto di Natale che si annuncia di richiamo, e per l’abbellimento del centro storico attraverso la cura degli allestimenti e dei presepi. In bocca al lupo, nuova Pro Loco.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 858 volte, 1 oggi)