COLONNELLA – Hanno fatto il giro delle gioiellerie in Val Vibrata spacciandosi per rappresentanti e mostrando oggetti che, a loro dire erano in oro bianco, ma che ad un attento controllo si sono poi rivelati essere in acciaio. La truffa è stata sventata in seguito alla denuncia di un gioielliere di Colonnella che, accortosi dell’inganno ha segnalato il fatto ai Carabinieri della locale stazione. Sono così partite immediatamente le indagini che hanno permesso di risalire a due napoletani, V.C di 47 anni e R.N di 48, che sono stati accusati del reato di truffa continuata in concorso.

I due uomini avevano realizzato sugli oggetti di gioielleria in acciaio le punzonature contraffatte che riportavano la dicitura 750/1000, caratteristica identificativa delle lavorazioni in oro, e come tale appunto spacciavano la merce ai clienti: alcuni di questi, fidandosi e non controllando in prima persona la qualità del materiale, hanno realizzato gli acquisti per un valore complessivo di circa mille euro.

In seguito alla denuncia del gioielliere di Colonnella sono state così avviate le indagini per determinare l’entità della truffa, che i militari dell’arma ritengono possa aver coinvolto diversi esercizi commerciali della Val Vibrata che hanno avuto contatti con i due napoletani.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 512 volte, 1 oggi)