TERAMO – «Linguaggio chiaro e determinazione nelle azioni»: è questa la formula che Antonio Di Pietro ha proposto nel suo tour teramano di sabato 15 novembre a sostegno dei candidati alle elezioni regionali. L’ex magistrato è stato nella mattinata a Teramo, e successivamente ad Alba Adriatica dove ha incontrato i cittadini presso il ristorante “Cherì”, alla presenza dei candidati consiglieri Augusto Di Stanislao e Luigi Vallarola e del senatore Alfonso Mascitelli.

«Solo con rappresentanti integerrimi e competenti – ha affermato Di Pietro – la regione Abruzzo e chi la governa potrà mostrare n totale trasparenza il proprio operato. Un “palazzo di vetro” che con Carlo Costantini presidente non guarderà più al colore dei cittadini ma alle loro reali esigenze».

Il leader dell’Italia dei Valori si è poi soffermato sulle potenzialità del territorio teramano: «E’ una provincia da valorizzare – ha aggiunto Di Pietro – che si propone come traino dell’economia abruzzese».

Come obiettivi della coalizione al governo della Regione l’ex magistrato ha posto «il taglio agli sprechi sanitari, alle Asl, alle consulenze» e il rilancio della piccola e media impresa così come testimoniato dal programma dell’Italia dei Valori che contiene, oltre agli scopi da perseguire in Regione, un rilancio della provincia di Teramo con la realizzazione di distretti turistici, della meccatronica, del mare e agroalimentari.

Non sono mancate stoccate all’avversario di sempre, Silvio Berlusconi: «Non possiamo permettere, anche qui in Abruzzo, dare in mano questa regione al regime berlusconiano».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 858 volte, 1 oggi)