SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il tema Shakespeariano dell’intreccio e degli equivoci torna nei nostri teatri marchigiani. Stasera alle 21:00 al Teatro Sanzio di Urbino e il 16 novembre alle 21:15 al Teatro Comunale di Porto San Giorgio, la Compagnia Molière, Molise Spettacoli e CRT Cremona presenteranno uno dei capolavori dello scrittore inglese: “La dodicesima notte”. È una commedia in 5 atti da tutti associata all’Epifania (dodici notti dopo Natale) anche se nell’opera non c’è alcun riferimento a tale data. Si narra la storia di Viola, la quale naufraga sulle coste dell’Illiria, l’attuale Albania, crede che suo fratello Sebastiano sia morto in mare.
Si traveste da uomo e si fa chiamare Cesario per andare a servizio del duca Orsino del quale si innamora, ma che a sua volta è perdutamente innamorato di Olivia. Anche Olivia piange la recente perdita del fratello ma presto proverà dei sentimenti per Viola-Cesario. La trama si infittisce sempre più fin quando tutti i nodi si sciolgono e la storia si risolve con un lieto fine. Protagonisti saranno Mario Scaccia, Debora Caprioglio, Marco Messeri, Edoardo Sala, mentre la regia è di Beppe Arena.
L’impegno dichiarato del regista è quello di rispettare quanto più possibile il testo originario e per rappresentare al meglio l’alternarsi di scene fatte di scambi e travestimenti è stata realizzata una pedana circolare e girevole che gli stessi attori muovono a seconda dei luoghi in cui l’azione si svolge. È una commedia di uno Shakespeare ormai maturo e ricca di aspetti sia malinconici che giocosi. Proprio per questo sono state scelte musiche di René Aubry che sembrano richiamare suoni di fiera, di circo, adatti a rappresentare diversi stati d’animo. Lo spettacolo ha debuttato in prima nazionale al XLII Festival Teatrale di Borgio Verezzi il 29 luglio del 2008. Con questo spettacolo e nella stagione 2008/2009, Mario Scaccia lascerà la prosa e la tournée.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 483 volte, 1 oggi)