ROMA – Il presidente nazionale Giuseppe Ricci, dell’Itb Italia, è intervenuto nei giorni scorsi ad un importante seminario dal titolo “Analisi di impatto della regolamentazione: il caso delle concessioni di demanio marittimo ad uso turistico balneare” che si è svolto presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Roma Tre, venerdì 7 novembre 2008.
Molteplici sono stati gli interventi sul tema di confronto che verteva sul far conoscere il proprio punto di vista ed eventuali proposte riguardo:
* la determinazione del canone di concessione;
* la durata della concessione;
* la previsione di modalità competitive per la selezione del concessionario.
Al seminario hanno preso parte la dottoressa Scarchilli, della Direzione Generale del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che ha prospettato la funzionalità del Sistema Informatico del Demanio, esponendo le criticità dell’attuale contesto regolatorio e le soluzione praticabili.
L’Agenzia del Demanio ha divulgato i dati relativi alle strutture esistenti, soffermandosi sull’applicazione e modalità di cui all’art. 1 comma 251 della Finanziaria 2007 (riferite in particolare alle pertinenze demaniali, ovvero i cosiddetti “stabilimenti storici”), definendone i criteri di applicazione. Tale documento è disponibile integralmente presso la sede operativa dell’Itb Italia.
Interessante è stato l’intervento del professor Greco sulle evoluzioni normative susseguenti il Codice della Navigazione ed il suo regolamento di esecuzione,  soprattutto in relazione alle circolari emanate dal Ministero delle Infrastutture e dei Trasporti.
Giuseppe Ricci si è rivolto ai numerosi convenuti (molti dei quali studenti), nell’invitare gli stessi a leggere con la dovuta attenzione quanto riportato nella relazione allegata alla brochure, esponendo i concetti fondanti dell’Itb Italia relativamente ai quesiti sopra esposti.
Ricci ha auspicato la possibilità di tornare alla centralità del potere legislativo per la gestione e l’uso del demanio marittimo a scopo turistico ricreativo. In tal senso ha precisato che si potrebbero rendere le Regioni organo esecutivo, in modo da evitare risoluzioni contrastanti e spesso “ad personam” come oggi purtroppo avviene in molte località italiane.
L’intervento del Presidente Ricci ha coinvolto positivamente gli studenti presenti che hanno posto una serie di domande. Al termine dell’incontro è intervenuto il Direttore Generale dell’ Itb Italia Vincenzo Marco Giua per chiarire agli intervenuti presenti in aula alcuni punti su questione prettamente tecniche.
Il seminario, che tra qualche giorno avrà un seguito,  è ritenuto dall’Associazione di categoria molto importante in quanto, permettendo il confronto e studi particolari, porterà a benefici comuni.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 550 volte, 1 oggi)