GROTTAMMARE – Decisamente più rilassato rispetto a Luigi Merli appare Elvio Mazzagufo, proprietario del Fish, che da quest’anno ha potuto aprire i battenti.

«Sono stati anni terribili, per due stagioni ho dovuto tenere chiusa la mia attività, con conseguente rimessa, oltre che economica, anche morale. Ma mi sarebbe davvero spiaciuto se il processo fosse partito, i capi di imputazione erano ridicoli e totalmente infondati» afferma.
I capi di imputazione erano per il sindaco Luigi Merli, a cui si contestava di aver rilasciato l’autorizzazione per l’attività di pesca turismo, a Marco Marcucci, responsabile dell’area Urbanistica e dell’Edilizia Privata, per aver rilasciato il permesso di costruire un manufatto per la pesca turismo, a Giovanni Tosti, responsabile dell’area amministrativa del Comune, si contestava l’aver emesso un’ordinanza a febbrario 2006 con cui ha autorizzato il Fish a proseguire l’attività di somministrazione di alimenti e bevande ed infine per il titolare del Fish, Elvio Mazzagufo, l’accusa era quella di aver beneficiato dei provvedimenti emessi “a vario titolo illegali”.

Capitolo chiuso.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 458 volte, 1 oggi)