L’AQUILA – Riammesso il Pdl alla corsa per le Regionali in Abruzzo. La decisione, sancita ieri dai giudici Pace, Grimaldi e Gargarella, dell’Ufficio Centrale regionale della Corte d’Appello dell’Aquila, è stata presa in seguito a verifiche della documentazione presentata dagli esponenti del centrodestra per verificare la regolarità delle firme presenti nelle liste.

Così tra le circa 2100 firme presentate, si sono individuate le 1750 firme necessarie e regolari per far partire la macchina elettorale.

«Siamo soddisfatti per come si è svolta la discussione – ha dichiarato in seguito alla riammissione delle liste Gianni Chiodi, candidato presidente per il Pdl -. I giudici hanno valutato con grande attenzione la documentazione prodotta e sono state date risposte a tutte le eccezioni formulate».

L’ufficio elettorale ha invece escluso definitivamente le liste “Per il bene comune” e “Alleanza federalista”, che come ultima risorsa per partecipare alle elezioni regionali dovranno fare ricorso al Tar.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 372 volte, 1 oggi)